C’erano 40 persone nel resort di Farindola, a Rigopiano (provincia di Pescara) il 18 gennaio, quando una valanga ha investito l’albergo – resort con la violenza di 120 mila tonnellate (di neve, legna e detriti vari).

29 sono i morti finora accertati, 11 sono i superstiti e gli ultimi due dispersi, sono stati trovati proprio mentre scrivevamo quest’articolo.

Delle vittime, dodici sono state identificate, l’ultimo dei quali è Alessandro Ricetti, 33 anni, receptionist dell’Hotel. Alcune sono morte subite dopo, colpite dalle proporzioni della valanga che le ha travolte all’interno della struttura, altre successivamente, con una concorrenza di cause: schiacciamento, ipotermia, asfissia, disidratazione.

Resta la grande disperazione dei partenti dei morti, il sollievo dei sopravvissuti, i sensi di colpa per non aver potuto evitare la sciagura. Le polemiche si susseguono con grande rapidità e riguardano soprattutto i tempi legati al soccorso. La valanga si abbatte sul resort tra le 16.30 e le 16.48, ma è solamente verso le 19 che la macchina di soccorsi comprende che a Farindola si è consumata una vera e propria tragedia: l’hotel non esisteva più.

Le due chiamate effettuate da Parete e Marcella, entrambi dipendenti dell’hotel, miracolosamente scampati alla tragedia, vengono registrate dalla Prefettura come due falsi allarmi. Lo stesso direttore dell’albergo, pur non essendo presente, afferma che la situazione è sotto controllo e di aver “chattato” con tranquillità con gli ospiti presenti nell’albergo.

Ci si chiede però, se tante morti potessero essere evitate, se la situazione iniziale fosse stata valutata con più coscienza e meno superficialità. Il Presidente del Consiglio, tuttavia, rivendica il grande lavoro effettuato dalla Protezione Civile, (che non gode più degli stessi “privilegi del 2008 – 2009, epoca in cui andava avanti senza selezioni e colpi di decreti) delle forze dell’Ordine e da tutti coloro che hanno collaborato, volontari inclusi, per limitare i danni o prevenirne maggiori.

Stesso valga per la nuova scossa di terremoto che ha nuovamente coinvolto Amatrice, dove la solidarietà è molta, ma gli atti governativi non moltissimi, se si pensa che si è preferito salvare una banca per 20 miliardi di euro, e si lasciano popolazioni intere senza nemmeno il riscaldamento (per non parlare di un tetto).

Tornando alla tragedia dell’Hotel, in base alle prime verifiche, è emerso che l’albergo era in possesso di tutte le autorizzazioni di sicurezza (tra smentite e accuse, l’Hotel da baita degli anni ’50 è divenuto un resort con spa grazie ad una società trevigiana negli ultimi anni), ma anche di tutti i bollettini meteorologici connessi al verificarsi di valanghe.

E se queste importantissime cose effettivamente erano in regola, nessuno degli ospiti è stato informato della pericolosità della situazione meteo: al contrario, è stato consigliato loro, da parte del direttore dell’Hotel, di non preoccuparsi e di raggiungere con tranquillità e serenità il luogo del soggiorno.

Piangono ora i genitori, i fratelli, i parenti dei morti. Ci uniamo al loro dolore, sperando che la natura in seguito sia più clemente, ma che anche l’uomo stesso sia meno avido e superficiale. Solo così si eviteranno ulteriori danni in territori sfortunati, già colpiti in precedenza dal terremoto, che non hanno, in futuro, bisogno di altre calamità, ma solo del desiderio di ricominciare.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome