Argomenti Bettino Craxi

Argomento: Bettino Craxi

11 Settembre 1973: quando il Cile fu sacrificato sull’ara di Pinochet

La dolorosa vicenda dell'11 Settembre 1973 e soprattutto di ciò che ne seguì: la raccontiamo in questo articolo, dove mettiamo alla luce anche tante ipocrisie spesso sottaciute dalla storia.

Luglio 1976: la svolta del Midas che diede vita al PSI di Bettino Craxi

Dal 1976 agli Anni Novanta, la figura di Bettino Craxi e la sua visione di "liberalsocialismo" hanno praticamente coinciso con la vita del PSI.

Quando l’Italia era per l’Africa un’amica dall’approccio lungimirante e costruttivo

Rapporti Italia e Africa

C'è stata un'epoca in cui l'Italia aveva, coi paesi in via di sviluppo, in particolare del Nord Africa e del Medio Oriente, un approccio sapiente e rispettoso, costruttivo e lungimirante. Se quell'approccio fosse stato applicato anche in seguito, e soprattutto non soltanto da noi ma da chi invece ha preferito darsi al colonialismo ad oltranza e al neocolonialismo, probabilmente oggi le condizioni di molti paesi africani sarebbero decisamente migliori.

Quando Bettino Craxi lottava contro PCI e DC per salvare Aldo Moro

Bettino Craxi e Aldo Moro

Contrariamente alla maggior parte dei dirigenti DC e PCI, il PSI di Bettino Craxi propose la "trattativa" per salvare a qualunque costo Aldo Moro in mano alle BR: ma fu prontamente isolato dal resto della classe politica italiana.

Dedicata una plazoleta a Bettino Craxi nel cimitero di Allende

Santiago del Cile ha dedicato una plazoleta a Bettino Craxi. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco di Recoleta, Daniel Jadue, personalità del Governo cileno, l'ex presidente della Repubblica del Cile, Ricardo Lagos, l'ambasciatore italiano a Santiago, Marco Ricci e la senatrice Stefania Craxi, figlia di Bettino.

Breve storia di Bettino Craxi, da Sesto San Giovanni alla rivoluzione del Midas

Diciotto anni fa moriva Bettino Craxi. La politica italiana d'allora versò lacrime da coccodrillo, dopo aver fatto finta di volerlo salvare. Cosa resta oggi di Craxi e della sua vicenda politica, oltre che di quella del PSI che rivoluzionò dopo il congresso del Midas del 1976? Forse le ultime riletture storiche, seppur accolte dalla contrarietà becera di alcuni, possono essere il preludio ad una rivalutazione più seria di Craxi e del PSI.

Stefania Craxi smentisce “La Repubblica” e punzecchia i debenedettiani

Per "La Repubblica", il Berlusconi avrebbe chiesto alla famiglia di Bettino Craxi il permesso per potersi recare ad Hammamet. Stefania Craxi smentisce. "Leggo stamane, senza stupore di sorta, scrive in una nota l'onorevole Stefania Craxi, che 'La Repubblica', il cui gruppo nutre una passione morbosa per Berlusconi ed ogni sua vicenda, riporta addirittura i dialoghi di un presunto colloquio del Presidente con la mia famiglia. Seppur superfluo, mi corre l'obbligo di precisare, per dovere di cronaca, che il Presidente Berlusconi non ha chiesto alcun permesso per una sua eventuale presenza ad Hammamet, se non altro perché non c'è nessun permesso da richiedere". Poi attacca: "Se si cercavano colpi ad effetto, si sarebbe potuta riservare la prima pagina altre chiamate, queste sì vere, come quella del Signor De Benedetti, in cui emergerebbe tutta la sua passione 'sinistra' per le banche popolari".

Stefania Craxi, su visita Gentiloni in Tunisia: “Nota positiva in scenario complicato”

Stefania Craxi ha commentato il recente viaggio in Tunisia del premier Gentiloni, esprimendo amarezza per la mancata visita alla tomba di papà Bettino. Duro l'affondo contro il Pd: "Sono certa che ciò sarà dipeso non dalla sua volontà e sensibilità, ma dalla sua appartenenza ad un partito, il Pd, il cui valore fondante è il moralismo militante, ovvero il giustizialismo, che tanti guasti ha fatto al nostro Paese".

Gli attributi di Craxi a Sigonella restano l’ultimo sussulto di una piccola grande potenza decaduta

Bettino Craxi

Sono passati trentadue anni dal celeberrimo episodio della base di Sigonella, quando Bettino Craxi, presidente del consiglio italiano trattò da pari a pari con l'allora presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. L'orgoglio esibito da Craxi in quel di Siracusa non era un fenomeno episodico, frutto ...

Giulio Regeni, le contorsioni e l’ipocrisia della politica italiana sulle rive del Nilo

Giulio Regeni

La politica italiana sembra aver cambiato idea sul caso Regeni. Una fragilità di pensiero che dimostra la mancanza da alcuni anni di una strategia chiara del paese per il Mediterraneo, una regione nella quale l'Italia non può non avere un ruolo di primo piano.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

10,735FanLike
36FollowerSegui
142FollowerSegui
1,472FollowerSegui
26IscrittiIscriviti

EDITORIALE