Argomenti Cina

Argomento: Cina

Nulla di fatto al Vertice di Hanoi: ma fra Kim e Trump è il primo a prevalere

Il summit di Hanoi fra Kim Jong-un e Donald Trump non è stato un pieno successo, almeno stando ai risultati che non sono arrivati. Tuttavia, diversa è l'immagine per i due leader che ora sono di ritorno a casa: Kim conferma la sua determinazione, non essendosi piegato all'unilateralismo della controparte, mentre Trump ha dimostrato una mancanza di coraggio nell'imprimere un pur necessario cambiamento all'approccio statunitense alle questioni internazionali.

Etiopia, Nilo e Diga del Grande Rinascimento

La Cina è sempre più presente e determinante nelle vicende dell'Africa Orientale, dall'Etiopia al Sudan fino all'Egitto: il caso del Nilo, con la costruzione della nuova Diga del Grande Rinascimento, in questo senso rappresenta un esempio più che convincente. La gestione delle acque del Nilo, in questo momento, potrebbe causare nuovi attriti fra Egitto ed Etiopia ed è quindi una materia da gestire con estrema ponderazione.

Il Tribunale di Milano, il Professor Xu Chao e la guerra fra Cina e Falun Dafa

L'atteggiamento seguito dai magistrati del Tribunale di Milano, quello da cui partirono le grandi inchieste sulla corruzione in Italia, nei confronti di un ex funzionario cinese arrestato per aver compiuto il medesimo reato, è decisamente contraddittorio. Anche se viene mascherato dietro apparenti ragioni umanitarie. La realtà è che Xu Chao, questo è il nome dell'ex capo del dipartimento finanziario dell'Università di Qingdao arrestato a Milano, è anche un militante della setta Falun Dafa. Pure questo ha indotto i magistrati milanesi, pressati persino a livello internazionale (Germania in primis), a liberare e negare l'estradizioni in Cina di Xu Chao malgrado l'evidenza dei reati compiuti.

La rivista in lingua inglese BMJ Open accusa la comunità scientifica di complicità con Pechino

Anche la British Medical Association, attraverso i suoi organismi BMJ e la rivista BMJ Open, sposa la campagna della crociata contro la Cina, sfruttando il tema non semplice delle donazioni di organi. Si arriva molto rapidamente a sposare le cause di fittizi tribunali londinesi che fanno una chiara politica contro Pechino, funzionale agli interessi di certi settori del mondo politico anglosassone, secondo una procedura di delegittimazione mediatica e politica che abbiamo già visto anche in tante altre occasioni in passato, e non solo contro la Cina.

Dai media francesi a quelli italiani, la strumentalizzazione sul Falun Dafa imperversa sempre

Il libero mercato nemico della libera (intesa come vera) informazione? E' quanto ci chiediamo vedendo alcuni esempi, che in ogni caso denotano l'appiattimento culturale dei media italiani a quelli stranieri, chiaramente solo se francesi, inglesi o americani...

Massaua e il Mar Rosso fra il dovere di onorare la storia e le nuove sfide del futuro

La costa eritrea, caratterizzata da grandi e storici porti che le permettono di collegare al Mar Rosso il vasto entroterra del Corno d'Africa, ha da sempre un'enorme valenza strategica. Si apre così un delicato equilibrio, che contempla da una parte il dovere di preservare la memoria ereditata dal passato e dall'altra il saper gestire con saggezza e protagonismo le nuove sfide future.

Come il mondo culturale ed accademico italiano giudica la Cina e il Falun Dafa

Pur di contrastare una malintesa "colonizzazione" della Cina in Italia, che spazia dall'economia alla cultura, molti ambienti politici e culturali italiani finiscono con l'adottare le cause di qualsiasi gruppo in odor di sinofobia o di attività anticinesi, come ad esempio la setta Falun Dafa.

19 gennaio 2000-19 gennaio 2019: ricordando Bettino Craxi

Diciannove anni fa moriva Bettino Craxi, nel silenzio di una politica italiana dalla coscienza assai sporca. Oggi, al di là del giudizio che si possa avere del grande statista socialista, sappiamo di sicuro che una figura come la sua manca ancor più di prima alla nostra politica.

Quando il Tibet era “un inferno” in terra

Recensione del libro di Albert Ettinger “Tibet libero? Rapporti sociali e ideologia nel Paese del lamaismo reale”, Zambon, Francoforte sul Meno, 2016.

Dalla continua avanzata della Cina al ritorno della Russia: il nuovo futuro dell’Africa

Numerosi elementi indicano come l'Africa, oggi, attiri su di sé sempre nuovi partner, dalla Cina alla Russia fino all'India, non dimenticando poi il Giappone. L'Europa e gli Stati Uniti, presenze storiche, appaiono invece sempre più in declino nella capacità di potervi ancora esercitare un controllo.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

10,943FanLike
35FollowerSegui
176FollowerSegui
1,546FollowerSegui
30IscrittiIscriviti

EDITORIALE