Argomenti Commissione Europea

Argomento: Commissione Europea

Contrordine, il Fiscal Compact rimane

Il Def viene finalmente presentato alle Camere. Con le correzioni al deficit apportate dopo l'attacco speculativo allo spread, il governo giallo-verde fa dietrofront e fa sua la tendenza dei governi precedenti di seguire il Fiscal Compact e di voler raggiungere gradualmente il pareggio di bilancio nel 2022. Per il cambiamento si attendono tempi (ed elezioni) migliori.

Bagnai (Lega) attacca il Pd per il “caso” Nava

La Lega ha presentato un'interrogazione urgente in Senato al Premier Gentiloni e al ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan per chiedere "se non ritengano opportuno riconsiderare" la nomina di Mario Nava a presidente dell'Autorithy di Borsa visto che ha scelto di restare un dipendente della Commissione europea.

L’Italia dei record (negativi): aumentano poveri e neet

lavoro, neet

In Italia la percentuale dei Neet, ovvero i giovani tra i 15 e i 24 anni che non lavorano, è al 19,9% nel 2016, un livello nettamente superiore alla media dell'eurozona dell'11,7% e di quella dell'Ue a 28 dell'11,5%. La povertà assoluta tocca quasi il 12%.

Mps, la Commissione Europea da il via libera al salvataggio pubblico

Dopo le banche venete, il governo mette in sicurezza anche Mps: ottenuto il disco verde dalla Commissione Europea. Al Tesoro il 70% del capitale.

Crisi bancaria: in Spagna Santander compra Banco Popular con 1 euro

Banco Santander, Banco popular, crisi bancaria Spagna

Sulla scia di quanto già richiesto dalla Commissione Europea, l'Ocse consiglia all'Italia di proseguire con le riforme strutturali anche nel 2018, riducendo il deficit di bilancio e aumentando le entrate fiscali con la lotta all'evasione e la reintroduzione della tassazione sugli immobili. In Spagna, Banco Popular sull'orlo del fallimento, viene rilevata da Banco Santander per 1 Euro. E' bail-in per azioni e obbligazioni subordinate.

Marine Le Pen capitola: niente più Frexit

Marine Le Pen

La Commissione Europea da il via libera alla "manovrina" correttiva e consiglia al governo italiano di spostare la tassazione dal lavoro verso il patrimonio e la casa. Padoan dice no all'Imu sulla prima casa, ma si rischia comunque l'inasprimento delle imposte di successione. Intanto, Italia e Grecia vanno a caccia di contante: Tsipras confisca le cassette di sicurezza, mentre la nuova Equitalia potrà aggredire i conti correnti. In Germania, Angela Merkel dice che l'Euro è "troppo debole"e da la colpa a Mario Draghi. In Francia Marine Le Pen abbandona la "crociata" contro la moneta unica e sposta il baricentro del partito verso il centro.

Dobbiamo ricominciare dalle basi: l’Euro è il vero problema

Euro, BCE, Mario Draghi

Dopo la vittoria di Emmanuel Macron in Francia, i falchi dell'europeismo tirano un sospiro di sollievo, credendo di aver arginato il pericolo populista. Le elezioni legislative di giugno è presumibile che non riserveranno grosse sorprese: è vero che il partito di Macron, En Marche!, ha meno di un anno di vita e non ha una struttura forte come quella dei partiti classici, ma la duttilità di Macron può permettergli di trovare alleati sia a destra come a sinistra. Per cui sarà facile per lui aprire ai repubblicani, magari all'ala di Juppé e trovare un primo ministro che fossa far convergere le preferenze di repubblicani e socialisti ed evitare la temuta "cohabitation", sempre che temuta lo sia davvero. Per il Front National c'è il rischio di raccogliere ancora una volta ben poco rispetto a quanto seminato, a causa del doppio turno che impone il sistema elettorale maggioritario...

La dittatura del mercato: la Commissione Europea bacchetta l’Austria

Eurocrazia. L'Austria subisce la procedura d’infrazione della Commissione Europea per aver cercato di applicare leggi nazionali a tutela dei lavoratori.

L’Italia verso una manovra correttiva

La Commissione Europea chiede ufficialmente all'Italia una correzione sulla manovra finanziaria pari allo 0,2% del PIL, cioè 3,4 miliardi di euro.

Il mercato ha fallito, MPS salvata dallo Stato

MPS

Nella notte di ieri, il Consiglio dei Ministri ha approvato il governo "salva-risparmio" con cui si provvederà a ricapitalizzare il Monte dei Paschi di Siena e le altre banche in difficoltà con 20 miliardi di soldi pubblici. Era l'unica soluzione possibile nell'epoca del bail-in, che è stato accantonato per salvare per l'ennesima volta la storica banca del PD.

SEGUICI SU

10,858FanLike
35FollowerSegui
272FollowerSegui
1,437FollowerSegui
29IscrittiIscriviti

PRIMA PAGINA

 

EDITORIALE