Argomenti Crisi

Argomento: crisi

Africa: inizia la lunga notte del Coronavirus

L'espansione del Coronavirus in Africa ci pone di fronte a problematiche ben più serie e preoccupanti di quanto si possa credere, in termini sia umanitari che economici e politici. In questo senso, una lezione positiva e in grado di restituirci un po' di speranza ci proviene dall'Eritrea.

L’eredità amara dei governi del Pd: in crescita l’indebitamento delle famiglie

Le famiglie italiane sono indebitate per un importo medio pari a 20.549 euro. Nell’insieme, i “passivi” accumulati con le banche e gli istituti finanziari ammontano a quasi 534 miliardi di euro. Le cifre, elaborate dall’Ufficio studi dell’Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre Cgia, sono riferite al 31 dicembre 2017, nel pieno, insomma, della lunga stagione di governo targata Pd, i cui presunti successi sono sconfessati da numeri e dati come questi.

Crescono le percentuali dei franchising: una soluzione che piace agli italiani

Franchising

Con la crisi che fa fatica ad essere superata, gli italiani puntano sempre di più al franchising. Una soluzione che permette di investire senza troppi rischi, grazie alla concessione del marchio. Un fenomeno che attrae donne e uomini di tutte le età.

Nel 2017 la spesa delle famiglie cresce più del reddito

Le famiglie italiane nel 2017 hanno aumentato la spesa per consumi finali del 2,5% in termini nominali, in misura superiore rispetto alla crescita dell’1,7% del reddito disponibile. Lo riferisce l'Istat, evidenziando come la propensione al risparmio delle famiglie sia scesa al 7,8%, in calo dello 0,7% rispetto al 2016. La crescita del reddito disponibile, spiega Istat, tra il 2015 e il 2017 corrisponde a un incremento del potere di acquisto delle famiglie dello 0,6%, in diminuzione rispetto alle tendenze registrate nel biennio precedente.

Bankitalia: una persona su quattro è a rischio povertà

Secondo Bankitalia è aumentata anche la quota di individui a rischio di povertà. L'incidenza di questa condizione, che interessa perlopiù le famiglie giovani, del Mezzogiorno o dei nati all'estero, è salita al 23 per cento, un livello molto elevato. La quota di famiglie finanziariamente vulnerabili è rimasta stabile.

Bagnai (Lega): Perché quando c’era l’Italietta stavamo meglio

Alberto Bagnai

Ospite in veste di candidato della Lega, l'economista Alberto Bagnai ha potuto tenere negli studi di La7 una piccola "lezione" sulla crisi italiana e sulle sue cause: "Si parla male dell'Italietta degli anni '80 e '90, ma in quell'epoca stavamo meglio", spiega il professore di Politica Economica.

L’ira di Calenda come le lacrime della Fornero: una banconota da 30 euro

embraco calenda ira

Il ministero dello sviluppo economico Carlo Calenda si arrabbia con la Embraco, ma è una farsa come le lacrime di coccodrillo di Elsa Fornero. Il problema resta l'Europa che loro difendono.

Federconsumatori: “Aumenta la ricchezza del Paese, non quella delle famiglie”

Nella stima preliminare dell'Istat sulla crescita del quarto trimestre del 2017, il pil è aumentato dell'1,4 per cento. Malgrado la ripresa in atto, l'indicatore è ancora indietro del 5,7% raffrontando il quarto trimestre del 2017 al primo del 2008. Per Federconsumatori la crescita non trova riscontro nel miglioramento delle condizioni delle famiglie.

La denuncia della Cgia di Mestre: Sud e piccole imprese ostracizzate dalle banche

cgia di mestre: sud e piccole imprese fuori dal credito bancario

Il report denuncia della Cgia di Mestre: "Sud e piccole imprese escluse dal credito bancario, nonostante gli scandali degli ultimi anni". La confartigianato di Mestre apre a tutti gli occhi sul momento buio che sta attraversando il nostro paese sotto tutti gli aspetti: economici, politici, morali.

Nel 2018 il giornale della Confindustria si accorge che il lavoro è diventato schiavitù

sole 24 ore lavoro schiavitù

Il Sole 24 ORE si accorge dopo anni che il lavoro italiano è in pessime condizioni, tali che alcuni lavoratori vivono peggio degli schiavi in epoca romana, l'ex direttore Roberto Napoletano si accorge dell'imperialismo praticato dal capitalismo francese sul nostro paese, diventato terra di conquista di multinazionali d'oltralpe. Ma è troppo tardi per rimpiangere la volata che tempo fa fu fatta ai governi tecnici e al governo Monti.

SEGUICI SU

10,846FanLike
35FollowerSegui
272FollowerSegui
1,431FollowerSegui
29IscrittiIscriviti

PRIMA PAGINA

 

EDITORIALE