Argomenti Deficit

Argomento: deficit

Vincono i “pontieri”: via libera dell’Europa alla manovra italiana

Via libera dell'Europa alla manovra italiana. Questa mattina la Commissione Ue ha confermato di avere trovato un accordo con il governo italiano sulle modifiche alla legge di bilancio. Scongiurata la procedura d'infrazione per debito eccessivo.

Deficit al 2,4%? Qualcosa di normale in un’economia avanzata

Un anno e mezzo fa, Matteo Renzi propose alla Commissione Europea di fare deficit al 2,9% per 5 anni consecutivi. Ciò dimostra che è necessità normale per uno Stato avanzato ricorrere al deficit di bilancio per stimolare consumi, abbassare le tasse e fare investimenti.

Mattarella cestina la lettera della BCE del 2011 e promuove un’agenda politica volta ai problemi reali. Chi la realizzerà?

Sergio Mattarella

La fine di quest'ultima legislatura cestina la lettera della BCE del 2011 che aveva fatto da base alla cosiddetta "agenda Monti" e che aveva fatto da programma per i governi Letta, Renzi e Gentloni. Sergio Mattarella suggerisce un ritorno ai problemi concreti dei cittadini, ma le promesse elettorali potranno essere realizzate solo rinunciando all'austerità UE. Chi ci riuscirà?

Manovra finanziaria 2018: dobbiamo pure commentarla?

Anche quest'anno la solita presa in giro. Di 20 miliardi, 16 vanno a evitare l'aumento dell'IVA e i restanti 4 a finanziare il resto. Padoan parla di "crescita". Ma non ci crede più nemmeno lui.

Se questa è la crescita…

Austerità, manovre recessive, stipendi sempre più bassi, sofferenze bancarie in aumento, blocco dei prelievi. Questa è la realtà economica italiana ed europea. Ma non c'era la crescita?

L’Italia verso una manovra correttiva

La Commissione Europea chiede ufficialmente all'Italia una correzione sulla manovra finanziaria pari allo 0,2% del PIL, cioè 3,4 miliardi di euro.

IVA, deficit e MPS: la pesante eredità di Matteo Renzi al nuovo governo

Gentiloni, Renzi, Mattarella

Qual è l'eredità che Matteo Renzi lascia al nuovo governo? Dall'IVA al futuro di MPS, passando per il deficit, per l'Italia si prevedono nuovi ed inopportuni sacrifici.

I bisogni dei cittadini sono sottomessi ai capricci dei ragionieri europei

Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici

La lettera della Commissione Europea rivolta all'Italia per chiedere chiarimenti sulla Legge di Stabilità non dice nulla di nuovo di quel che già si sapeva: i bisogni e le necessità dei cittadini sono sottomessi al rigore di bilancio. L'Unione Europea è il paradiso dei ragionieri.

La flessibilità UE? Pura propaganda

Come avevamo previsto a dicembre, la flessibilità concessa dall'UE vale solo per il 2016. Dal 2017, l'Italia sarà costretta a uniformarsi alle direttive europee e a seguire rigorosamente i parametri del Fiscal Compact. Per queste ragioni, la vittoria decantata dal nostro Premier è soltanto propaganda.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

10,930FanLike
35FollowerSegui
177FollowerSegui
1,545FollowerSegui
30IscrittiIscriviti

EDITORIALE