Argomenti Diritti

Argomento: diritti

Trieste chiama, Ancona risponde. La protesta scuote il Draghistan

Sono migliaia le persone che hanno preso parte alla manifestazione contro il green pass organizzata dal Coordinamento lavoratori portuali di Trieste (Clpt). L'alba della città giuliana non è stata chiara per chi, con grande presunzione, aveva fatto l'equazione Parlamento sedato - Paese normalizzato. Tra una condanna e l'altra del dissenso, i capetti dei partiti evidentemente hanno perso di vista migliaia di italiani. Da Nord a Sud ci sono collettivi e comunità resistenti che non si arrendono. Adesso lo sa anche Draghi.

Usb domani in piazza contro il governo Draghi

L'Unione sindacale di base, congiuntamente alle sigle del sindacalismo di base e conflittuale, ha proclamato per l'intera giornata di domani lo Sciopero Generale nazionale per tutte le categorie, sia del pubblico che del privato. Oltre alle manifestazioni nelle maggiori città italiane, per domani sono in programma presidi sotto i Ministeri (Mise, Istruzione, Pubblico Impiego) e un corteo da Piazza della Repubblica.

Diritti dei militari, Siulm: “È il momento di scelte chiare”

Militari e Diritti

A quasi un anno dalla sentenza della Corte Costituzionale le parti civili fanno fatica a trovare un accordo sul sindacalismo nella Difesa. Un disegno di legge che farebbe fare un grosso balzo in avanti nella tutela dei militari, assente negli scorsi anni. Il comunicato stampa del Siulm: "la politica si prenda le sue responsabilità".

Le Donne Eritree in Italia e all’Estero: “Il futuro non si attende, ma si governa”

Nata nel 1979, l'Unione Nazionale delle Donne Eritree, in collaborazione con l'Associazione Donne Eritree all'Estero, ha svolto un ruolo importantissimo per sostenere i diritti e le condizioni del sesso femminile dentro e fuori la Comunità Eritrea, in Patria e all'estero. Oggi si pongono ulteriori nuovi traguardi.

8 Marzo: storia della Giornata Internazionale delle Donne

Russia 1917

Contrariamente alla leggenda conosciuta dai più, che vorrebbe l'8 Marzo come una festa in memoria delle operaie morte in un mai esistito incendio a New York nel 1908, tale data ha ben altre origini, legate al movimento femminile rivoluzionario e socialista che pose termine all'autocrazia dello Zar durante la Prima Guerra Mondiale.

Il Brasile di oggi, Bolsonaro e l’aggressione agli indigeni

Il Brasile dell'era Lula e Rousseff aveva riconosciuto importanti conquiste agli indigeni, certificando l'esistenza di nuovi ed incontestabili diritti relativi alle minoranze. Tutto ciò viene oggi calpestato dal nuovo presidente Bolsonaro, sotto il quale si aprirà intuibilmente una nuova stagione di lotte per la dignità di settori sociali ed etnici di nuovo sempre più esclusi.

Il venerdì degli sconti sui diritti (dei lavoratori)

Black Friday, diritto dei lavoratori

Il consumo è parte integrante della vita quotidiana, ma il consumismo ci sta distruggendo: perché nell’equazione del consumismo, i lavoratori sono solamente variabili sostituibili. La base della giustizia lavorativa è quindi solo la solidarietà fra lavoratori e consumatori: gli uni sono allo stesso tempo gli altri, ed è per questo motivo che non si può accettare che vengano messi in saldo i diritti dei lavoratori.

Black Friday: al centro Amazon di Piacenza sarà sciopero

L'altro Black Friday. I dipendenti Amazon di Piacenza chiedono un miglior trattamento economico. L'azienda replica: "Qui i salari più alti della logistica". Lo sciopero nel giorno dei super sconti è stato deciso da Cgil, Cisl, Uil e Ugl

La civiltà del lavoro? Non è più cosa nostra

L'antica ed apprezzata civiltà del lavoro italiana non esiste più. Il jobs act, riforma del lavoro di stampo ultraliberista, che avrebbe dovuto aprire le porte del mondo del lavoro a migliaia, se non milioni di disoccupati, ha di fatto incrementato il precariato più totale. Abolito l'articolo 18, e resi possibili i licenziamenti indiscriminati, ora è possibile perdere il lavoro da un momento all'altro, per motivi "economici" o "disciplinari".

Querele temerarie e lotta al precariato: la Fnsi scende in piazza a Roma

Querele temerarie e lotta al precariato: la Fnsi scende in piazza a Roma

La Fnsi scende in piazza, a Roma, per chiedere al Governo provvedimenti concreti sulle querele temerarie, sulle minacce ai cronisti e sulla precarietà.

SEGUICI SU

10,846FanLike
35FollowerSegui
272FollowerSegui
1,426FollowerSegui
29IscrittiIscriviti

PRIMA PAGINA

 

EDITORIALE