Argomenti Inghilterra

Argomento: inghilterra

Brexit: Theresa May verso la proroga, a costo di distruggere anche la sua carriera politica

Pur di scongiurare la Brexit, o quantomeno di ritardarla il più possibile, Theresa May è disposta persino a sacrificare la propria popolarità e carriera politica. Ciò però può solo rafforzare le incognite per il prossimo futuro, anziché dissiparle. Forte è il nervosismo in Europa, ed in particolare in Germania, mentre l'Italia recupera, in questo scenario, un piccolo spazio d'iniziativa che andrà però gestito oculatamente.

Addio a Gordon Banks, l’autore della “parata del secolo”

È morto ad ottantun anni Gordon Banks, uno dei più grandi portieri della storia del calcio, autore della “parata del secolo” su un colpo di testa di Pelé ai mondiali di Messico 1970. Piccola biografia di un calciatore leggendario.

La rivista in lingua inglese BMJ Open accusa la comunità scientifica di complicità con Pechino

Anche la British Medical Association, attraverso i suoi organismi BMJ e la rivista BMJ Open, sposa la campagna della crociata contro la Cina, sfruttando il tema non semplice delle donazioni di organi. Si arriva molto rapidamente a sposare le cause di fittizi tribunali londinesi che fanno una chiara politica contro Pechino, funzionale agli interessi di certi settori del mondo politico anglosassone, secondo una procedura di delegittimazione mediatica e politica che abbiamo già visto anche in tante altre occasioni in passato, e non solo contro la Cina.

Londra, il parlamento affonda il piano Brexit di Theresa May: a rischio il suo premierato

Con 432 no e 202 sì, il governo di Theresa May s'è ritrovato senza una maggioranza al parlamento di Westminster, ed il suo piano per una soft Brexit, concordato a novembre con l'UE, è stato dunque silurato. Ora sulla premier inglese grava la minaccia di una mozione di sfiducia presentata dal leader laburista Jeremy Corbyn, e non sono impossibili anche in questo caso sorprese dell'ultimo minuto.

La sinofobia dei media italiani ed occidentali ben si presta agli interessi del Falun Gong

La vicenda di Wang Quanzhang, il noto avvocato "attivista per i diritti umani", viene usata in Occidente per continuare a mobilitare larghe quote d'opinione pubblica, completamente digiuna su temi riguardanti la Cina, contro le autorità di Pechino. Naturalmente tutti coloro che hanno conti in sospeso con la Cina ne traggono vantaggio, in primo luogo sette pericolose come il Falun Gong.

Tra cure naturali, settarismi, social ed internet: il curioso caso del Falun Gong in Italia

Negli ultimi anni, grazie ad internet e ai social, le cure alternative a quelle medico-scientifiche hanno guadagnato molto terreno, soprattutto in certi ambienti per così dire "radical chic" e non solo. Le sette religiose o pseudoreligiose come il Falun Gong non hanno tardato ad approfittarne, riscuotendo fin da subito l'ingenua fiducia di questo vasto pubblico, non solo internettiano.

Tra favorevoli e contrari alla Brexit, per Theresa May si prospettano giorni duri

Col suo governo sempre più traballante e la sua leadership nel Partito Conservatore messa sempre più in discussione, il futuro di Theresa May non sembra dei più rosei. La bocciatura del suo accordo sulla Brexit, peraltro, potrebbe concludere in maniera irrevocabile la sua biografia politica.

Ricordando Vincenzo Apicella, grande e sagace vignettista che amava “épater la bourgeoisie”

Ottobre ci ha portato via anche un altro grande artista italiano, il vignettista, giornalista e disegnatore Vincenzo Apicella, fiero militante comunista ed antimperalista che amava scandalizzare la morale benpensante borghese.

Dove va il calcio? Nel mondiale delle difese ritorna in auge la seconda punta

La Seconda Punta e i suoi interpreti: Antoine Griezmann, Cristiano Ronaldo

Il ritorno del calcio all'italiana, il ruolo della nuova regola sul fuorigioco e il ritorno del grande assente del calcio nell'era guardiolana: la seconda punta

Mondiali 2018, la finalissima: Vive la France!

Vive la France: la Francia di Deschamps Campione del Mondo per la seconda volta

Al termine di una finale ricca di gol e di spunti la Francia si laurea campione del mondo per la seconda volta nella sua storia sconfiggendo 4-2 la Croazia, è il trionfo di un multiculturalismo transalpino che ha origini molto remote.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

10,841FanLike
35FollowerSegui
166FollowerSegui
1,562FollowerSegui
29IscrittiIscriviti

EDITORIALE