Argomenti Muammar Gheddafi

Argomento: Muammar Gheddafi

Libia, Craxi: “Ciò che sta accadendo a Tripoli non ha niente a che fare con la Democrazia”

Stefania Craxi

Stefania Craxi sull'avanzata di Haftar che ha riacceso la guerra civile in Libia: "giochi di potere che non hanno niente a che fare con la democrazia".

Un anno fa l’arresto di Kemi Seba. Il panafricanismo dalla fine del colonialismo ad oggi

0

Un anno fa veniva arrestato, dietro giudizi pretestuosi, l'intellettuale panafricanista Kemi Seba. Dopo un anno Kemi Seba è di nuovo libero ed in azione, ma vorremmo approfittare di questo anniversario per raccontarvi un po' la storia del pensiero panafricanista dal 1960 ad oggi.

Aquarius, Africa e migranti: una storia complicata ma non incomprensibile

0
Aquarius

Le origini del fenomeno migratorio sono ormai di vecchia data e, tutto sommato, neppure troppo difficili da identificare. Ma, per farlo, occorre squarciare un grosso velo d'ipocrisia: l'ipocrisia di chi, dopo averlo provocato con le sue politiche di stampo colonialista e neocolonialista, ha poi anche la presunzione di venire a far le pulci a coloro che non ne vogliono pagare almeno in toto il prezzo.

Haftar o meno, il futuro della Libia è un giallo che potrebbe tornare a tingersi di verde

0

L'eventuale scomparsa o anche la sola possibilità che Haftar non riesca a riprendersi del tutto dalla malattia riapre in Libia dei giochi che sembravano ormai essersi chiusi, o quasi. Saif al Islam, figlio di Gheddafi, potrebbe a quel punto diventare l'unico uomo in grado di riunificare davvero la Libia.

Siria: Trump volubile, da Mosca parole di scherno sul presidente Usa

0
Putin, Trump

Donald Trump ritratta i suoi propositi di guerra alla Siria, mentre il presidente francese Macron, come nel 2011 Sarkozy, spinge per l'attacco bellico contro Assad. Da Mosca si fa ironia: "I rapporti internazionali non dovrebbero dipendere da come ci si sveglia la mattina".

La vendetta di Gheddafi: Sarkozy fermato a Parigi per i finanziamenti libici alla sua campagna elettorale

1

Qualcuno ironizza parlando di una vendetta postuma di Gheddafi. Una cosa è certa: Sarkozy, che a Gheddafi mosse guerra e ne provocò la caduta, ebbe proprio da lui un importante aiuto economico per la sua campagna elettorale.

Il sogno africano di Gheddafi e Chavez

A sei anni dall'invasione della Libia e dall'assassinio di Gheddafi, ricordiamo il contributo dato dal colonnello alla causa africana e l'asse con Chavez.

15 ottobre 1987: quando Thomas Isidore Sankara venne ucciso a tradimento

Trent'anni fa veniva ucciso a tradimento dal suo vice Blaise Compaorè, poi destinato a governare il paese fino al 2014, il grande leader rivoluzionario Thomas Isidore Sankara. Grandiosi risultati erano stati raggiunti nei quattro, intensi anni del suo governo: dalla parità fra sessi ai quattro pasti e dieci litri d'acqua al giorno per tutti, passando per la lotta ai privilegi, all'avanzata del deserto, alla poligamia, all'infibulazione, all'analfabetismo e all'AIDS.

Gli attributi di Craxi a Sigonella restano l’ultimo sussulto di una piccola grande potenza decaduta

1
Bettino Craxi

Sono passati trentadue anni dal celeberrimo episodio della base di Sigonella, quando Bettino Craxi, presidente del consiglio italiano trattò da pari a pari con l'allora presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. L'orgoglio esibito da Craxi in quel di Siracusa non era un fenomeno episodico, frutto ...

11 Settembre: dopo sedici anni trionfa l’Omertà sull’attentato alle Twin Towers

1
11 Settembre: dopo sedici anni trionfa l'Omertà sull'attentato alle Twin Towers

Accadde oggi: Sedici anni fa morivano 3000 americani per mano di terroristi riconducibili ad al-Qaeda che dirottarono quattro aerei di linea modello Boeing. Da allora non tutto è ancora chiaro di quanto è accaduto, ma le indagini sono ferme, nonostante Afghanistan e Iraq non c'entrassero nulla con gli attentatori.

PRIMA PAGINA

Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 3: la diplomazia coercitiva

0
Il Ministero degli Esteri della Cina ha pubblicato un documento contenente le falsità che la propaganda statunitense diffonde sul suo conto