CONDIVIDI

Aggiornamenti del 18 agosto: aumenta il numero dei feriti, una vittima italiana.

Ore 12.30

Sale a 14 il numero delle vittime dell’attentato.

Ore 11.50

Due sarebbero le vittime italiane secondo la Farnesina, tre i feriti.

Ore 10

Il sito di tecnologia e informatica Tom’s Hardware dà l’annuncio della morte di Bruno Gulotta, responsabile Marketing e Vendite del sito. L’addio del forum. Tuttavia la Farnesina ancora non conferma vittime di nazionalità italiana nell’attentato alla Rambla di ieri pomeriggio.

Ore 8

Sarebbe aumentato sino a quota cento il numero dei feriti dell’attentato di ieri alla Rambla di Barcellona, dove un furgone ha investito la folla, nel luogo abitualmente si affollano famiglie e turisti, soprattutto nella stagione estiva. Tre gli arresti. Si parla anche di una vittima italiana di 35 anni.

Cronaca del 17 agosto

I terroristi tornano a colpire la Spagna. Intorno alle 17 di questo pomeriggio un furgone bianco ha seminato il panico sulla Rambla, dalla parte vicina a Plaza de Catalunya, nel centro di Barcellona, falciando a circa 80 km/h decine persone per circa 600 metri fino alla piazza del mercato della Boqueria.

In base alle testimonianze raccolte, il van procedeva a gran velocità con una traiettoria a zig-zag, probabilmente, come già accaduto in circostanze simili, per investire il maggior numero di persone possibile. Il furgone poi si sarebbe schiantato contro uno dei chioschi che si trovano sul marciapiede che separa le corsie della Rambla destinate alle auto.

 

Cadena Ser parla di almeno tredici morti e venti feriti.

Il governo catalano ha ordinato la chiusura della stazioni di metro della Plaza Catalunya. La polizia ha invitato i negozianti a chiudere i loro locali quale misura di precauzione.

L’Unità di Crisi della Farnesina è intanto al lavoro per verificare l’eventuale presenza di connazionali.

I Mossos d’Esquadra hanno confermato la matrice terroristica dell’attentato. L’Isis ha poi rivendicato l’attacco minacciando nuove offensive nei confronti dell’Europa e della Spagna.

Secondo El Pais che cita fonti della Guardia Civil, l’uomo che ha noleggiato il furgone si chiama Driss Oukabir. Per El Independiente, Oukabir, è un marsigliese di origini marocchine residente a Ripoll, vicino a Girona. Qualche ora dopo, è trapelata un’importante novità: l’autore dell’azione terroristica, sarebbe il fratello diciottenne Moussa che gli avrebbe rubato i documenti.

A tarda sera la polizia catalana ha reso noto di aver effettuato due arresti, precisando che uno dei due è marocchino e l’altro è nato a Melilla. Uno dei due è stato catturato ad Alcanar e l’altro a Ripoll, ha spiegato in conferenza stampa il maggiore Josep Lluís Trapero dei Mossos d’Esquadra. L’autista del furgone, invece, sarebbe ancora in fuga.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO