Autori Articoli di Alessandro Pellegatta

Alessandro Pellegatta

Avatar
20 ARTICOLI 0 COMMENTI
Alessandro Pellegatta è nato nel 1961 a Milano, dove vive e lavora. Si dedica da anni alla letteratura di viaggio. Per FBE ha pubblicato nel 2009 un libro sull’Iran (Taqiyya. Alla scoperta dell’Iran), mentre per Besa editrice ha pubblicato i reportage Agim. Alla scoperta dell’Albania (2012), Oman. Profumo del tempo antico (2014), La terra di Punt. Viaggio nell’Etiopia storica (2015), Karastan. Armenia, terra delle pietre (2016), Eritrea. Fine e rinascita di un sogno africano (2017), Vietnam del Nord. Minoranze etniche e dopo sviluppo (2018). Il 28 febbraio 2019 uscirà un suo nuovo volume dedicato alla storia dell’esplorazione italiana in Africa intitolato Manfredo Camperio. Storia di un visionario in Africa. Due nuove opere sulla storia del Mar Rosso e di Massaua e sull’Algeria sono al momento disponibili in versione ebook su Amazon Kindle. Partecipa da anni ad eventi e convegni relativi alla cultura di viaggio, e collabora con svariati siti e riviste sui temi legati alle minoranze etniche e la difesa dei diritti dell’uomo.

Kashmir: storia di una guerra dimenticata

L'odierna crisi fra India e Pakistan per il controllo della regione del Kashmir ha una lunga storia, frutto innanzitutto dell'arbitraria suddivisione dei confini post-coloniale avvenuta nel 1947, allorché gli inglesi frettolosamente abbandonarono la loro colonia. Già allora scaturirono enormi drammi, rimasti nella memoria collettiva e che nutrono gli odierni ed opposti nazionalismi. Su questa contrapposizione prospera, oggi, anche il fenomeno del terrorismo di matrice islamica.

Un ponte per l’Eritrea da Lucca

Grande successo per la conferenza tenutasi a Lucca lo scorso venerdì 1 marzo, all'insegna del dialogo e della collaborazione fra Italia ed Eritrea, con un occhio alle prospettive future così come ai grandi legami che a distanza di decenni ancora accomunano i due Paesi. Estremamente importanti gli ospiti e i conferenzieri, e profondi e chiarificatori gli interventi.

Etiopia, Nilo e Diga del Grande Rinascimento

La Cina è sempre più presente e determinante nelle vicende dell'Africa Orientale, dall'Etiopia al Sudan fino all'Egitto: il caso del Nilo, con la costruzione della nuova Diga del Grande Rinascimento, in questo senso rappresenta un esempio più che convincente. La gestione delle acque del Nilo, in questo momento, potrebbe causare nuovi attriti fra Egitto ed Etiopia ed è quindi una materia da gestire con estrema ponderazione.

Abrid: Diario Algerino. Viaggio in un paese alle prese con le incognite del futuro

Ad aprile in Algeria si terranno nuove elezioni presidenziali, che concluderanno la lunga pagina dell'ormai anziano e malato Presidente Bouteflika. Il Paese è dinanzi a numerose incognite, profondamente legate alla sua complessa eterogeneità.

Franco CFA, neocolonialismi, decolonizzazione dell’Africa e petrolio libico

Le polemiche fra Francia ed Italia, scaturite dalle critiche di Di Maio e Di Battista sul neocolonialismo francese e il Franco CFA, nascondono in realtà implicazioni geopolitiche sottopelle ben più complesse e profonde, con oltretutto un conflitto silente che coinvolge anche, tra le varie cose, la Libia.

L’Iran a quarant’anni dalla Rivoluzione Khomeinista: taqiyya e politica del meno peggio

Taqiyya è il termine con cui possiamo indicare il misto di accettazione, sopportazione e persino fiducia della società iraniana sciita verso le condizioni vissute dal suo paese, soprattutto guardando agli effetti che l'atteggiamento internazionale ha sulla vita interna dell'Iran.

Massaua e il Mar Rosso fra il dovere di onorare la storia e le nuove sfide del futuro

La costa eritrea, caratterizzata da grandi e storici porti che le permettono di collegare al Mar Rosso il vasto entroterra del Corno d'Africa, ha da sempre un'enorme valenza strategica. Si apre così un delicato equilibrio, che contempla da una parte il dovere di preservare la memoria ereditata dal passato e dall'altra il saper gestire con saggezza e protagonismo le nuove sfide future.

Il 150esimo anniversario di Suez e il futuro del Corno d’Africa

Con la nascita, 150 anni fa, del Canale di Suez, l'Italia riacquisì centralità nelle tratte verso l'Oriente, e non a caso di lì a poco il nostro paese iniziò la propria penetrazione coloniale nel Corno d'Africa. Oggi, in occasione di questo importante anniversario, si affacciano all'orizzonte nuovi ed ulteriori sviluppi.

Biopopulismo, no vax e terrapiattisti in giro per l’Europa

Nell'Europa contemporanea entrano sempre più prepotentemente, prendendosi quote maggioritarie del dibattito politico e quotidiano, temi spesso singolari o comunque poco attendibili: vediamone alcuni, cominciando dalle teorie no vax per finire col terrapiattismo.

Etiopia, rifugiati e lavoro: una lezione anche per l’Italia

Il proseguimento della "rivoluzione etiopica", sempre più democratica ed inclusiva, ha un effetto magnetico anche sui popoli e i paesi limitrofi, e può essere di utile spunto anche per noi.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

10,818FanLike
35FollowerSegui
162FollowerSegui
1,559FollowerSegui
29IscrittiIscriviti

EDITORIALE