Le nostre informazioni su Aylan Kurdi compaiono su numerosi siti. Perché questo bambino è morto: perché ora ?

1) La fotografia è una messa in scena. Il corpo affogato non mostra i capelli appiattiti, io vestiti si mostrano ordinati, le gambe e gli arti giacciono dritti. Resta ancora un mistero perché, se il corpo è a galla da ore in mare, la pelle mostra ancora un colorito rosa carne.

2) Secondo “The Guardian” la famiglia di Aylan Kurdi risiedeva da circa 3 anni in Turchia. Lui, Abdullah Kurdi, il padre di Aylan, ha dichiarato di aver visto annegare sua moglie e i bambini davanti a sè. Dopo, sul suo account ha detto: “Ho cercato mia moglie e i miei bambini sulla spiaggia ma non ci sono riuscito. Pensai che forse dallo spavento fossero scappati a Bodrum.”

3) Chi ha inventato la storia sulla tortura e i denti ? Un blogger siriano, Kenan Rahmani, ha dichiarato:

“Abdullah Kurdi fu torturato e i denti strappati… quando lo Stato Islamico occupò l’anno scorso Kobane, la famiglia cercò di fuggire in Turchia.”

Come mai abbiamo scoperto tale retroscena (falso) solamente ora da un blogger siriano ?

4) Se il mondo musulmano è una grande famiglia, come mai una parte di essa sta cercando di “traslocare” dalla Siria? Quindi chi c’è dietro a questa Psy-Op ? La Psy-Op è organizzata. Nel luglio del 2015, circa il 30% degli israeliani viaggiava in Turchia.

ooo

Sopra l’immagine mostra le mete preferite dagli israeliani in Turchia a luglio, spicca la cittadina di Bodrum. Inoltre la Turchia è molto legata con Israele.

Link: http://albainternazionale.blogspot.it/2015/09/alan-kurdi-psy-op.html

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.