CONDIVIDI
cosmetici naturali

Le sostanze che possono essere adoperate per la produzione dei cosmetici sono oltre 5000. Fra queste, almeno 1000 sono di origine naturale o derivano da fonti naturali.

Se fino a poco tempo fa il mercato dei cosmetici naturali/biologici era considerato un segmento di nicchia appannaggio di pochi interessati, oggi il panorama della cosmesi naturale ha subito una trasformazione significativa.

In aumento la domanda di cosmetici biologici ed eco-friendly, con le conferme che arrivano dagli ultimi report di Cosmetica Italia. Da questi emerge che, nel 2016, l’offerta di cosmetici in Italia rappresentava il 48% dei consumi, con un fatturato green delle aziende nostrane pari a 950 miliardi di euro. Ovvero il 9% del fatturato cosmetico italiano.

Nonostante si tratti di un settore in forte crescita, ad oggi non esiste un regolamento che fornisca una definizione legale di cosmetico biologico e naturale.

Requisiti di un cosmetico biologico

Va detto che, per essere considerato biologico, un cosmetico deve presentare ingredienti di origine naturale/biologica per almeno il 95% della sua formulazione. Molto importante il periodo di raccolta delle materie prime. Esso dovrà coincidere con il momento in cui ogni pianta presenta la miglior concentrazione di attivi funzionali, detto anche periodo balsamico.

Occhio all’etichetta

Sebbene siano sempre più diffusi, l’individuazione di creme e prodotti per il corpo green non è così semplice. Bisogna tutelarsi imparando a leggere le etichette, tenendo presente che i cosmetici bio e naturali sono prevalentemente quelli caratterizzati dall’assenza di Parabeni, Paraffine, Petrolati, Siliconi, Peg, Coloranti, Sles/Les, Alchool.

Quando si deve individuare la formulazione di un cosmetico non sapendo da dove iniziare, si può fare riferimento all’elenco Inci, utilizzato in tutti gli stati aderenti all’UE, il quale classifica a livello internazionale i diversi ingredienti presenti all’interno di un cosmetico (fonte Wikipedia).

In via generale, esistono dei trucchetti che semplificano il processo di individuazione di un cosmetico naturale. Solitamente, se il nome di un ingrediente vegetale viene riportato in latino con il suo nome botanico questo non dovrebbe aver subito procedimenti chimici; al contrario, se l’ingrediente ha subito alterazioni diventando un composto sintetico, questo è solitamente scritto in inglese. Inoltre, se gli ingredienti vegetali compaiono per ultimi nella descrizione della formulazione, significa che sono presenti in percentuali molto inferiori rispetto ai primi ingredienti descritti. Generalmente, le prime 5/6 sostante descritte nella lista sono quelle presenti in quantità maggiore.

Cosa hanno di speciale i prodotti naturali?

Biologico fa spesso rima con ecologico. Le confezioni e i packaging sono in linea con il profilo etico, con flaconi realizzati in materiali biodegradabili, eco-friendly, riciclati e riciclabili.

Ma le ragioni per scegliere i cosmetici naturali non si esauriscono qui. L’impiego di ingredienti naturali va a favore dell’ambiente e del pianeta, in quanto i grassi vegetali delle piante coltivate in modo naturale non vengono sottoposti a pesticidi, un aspetto che salvaguarda l’intero ciclo riproduttivo delle piante. Infine, il cosmetico biologico è un alleato della nostra pelle.

Cosa contengono i prodotti non naturali?

I cosmetici commerciali possono contenere sostanze conservanti e antistatiche come i parabeni, i petrolati e i siliconi, il cui utilizzo è ampiamente discusso. La comunità scientifica discute ancora circa i potenziali rischi per la salute dell’uomo legati all’uso di queste sostanze. C’è addirittura chi afferma che vi sia un legame tra l’impiego di suddette sostanze e l’insorgenza di tumori, ma nessun dato ha ancora confermato la possibile correlazione.

Tuttavia è importantissimo scegliere con accuratezza il tipo di cosmetico che si va ad utilizzare, poiché tutto ciò che usiamo sulla nostra pelle entra nel nostro organismo. Il consiglio è di scegliere il prodotto in base alla problematica che si desidera trattare, differenziando i cosmetici per il tipo di azione: l’offerta dei produttori è sempre più vasta e differenziata. Questo permette di individuare più facilmente l’articolo rispondente ad ogni specifica esigenza.

Sicuramente, la mancanza di una regolamentazione riguardante i cosmetici naturali non tutela il consumatore. Ragion per cui ognuno di noi dovrebbe tutelare sé stesso prestando attenzione alle certificazioni e alle formulazioni dei prodotti prima di acquistarli.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here