13.30. Respinta mozione di sfiducia con 373 no e 129 Sì. Salvini: “Coalizione a rischio dopo uscita dall’aula di FI”

12.05. Si passa alle votazioni nominali

La Boldrini chiama al voto anche il Ministro Elena Boschi, che vota lei stessa contro la mozione di sfiducia

La Boschi vota NO alla sfiducia contro se stessa
La Boschi vota NO alla sfiducia contro se stessa

 

12.01. Finite le dichiarazioni di voto. Ora parla l’On. Massimo Artini a titolo personale. “voto per la mozione di sfiducia, ma il governo ripristini la possibilità dei cittadini di rifarsi sugli amministratori”.

Ettore Rosato (PD): “Attaccano la Boschi, che è donna stimata qui e all’estero. Vogliono cacciare via questo governo che sta facendo bene dappertutto. Da noi mai fatte leggi ad-personam per favorire gli amici degli amici” Al M5S: “non siete in grado di governare”

Alessandro Di Battista:”Ministro Boschi le esprimo la totale indignazione di un popolo intero da parte di un governo che ha preso provvedimenti infami che hanno mandato migliaia di cittadini sulla strada, per colpa vostra”

“La compassione per suo padre non l’abbiamo vista per i cittadini lasciati sul lastrico”

“Non eravate abituati prima del M5S ad un movimento di vera opposizione. Soltanto la mozione di sfiducia del M5S ha costretto il Ministro Boschi a riferire in aula, altrimenti avremmo dovuto accontentarci di quattro parole in croce dette alla presentazione del libro di Vespa.”

“Il Governo Renzi ha o no in questa legislatura favorito le banche. Il PD ha favorito le banche sin dal governo Letta. Pensate di prendere in giro il popolo la popolazione, qui è ampiamente rappresentata dal 5Stelle”

“Se al posto della Boschi ci fosse stata la Carfagna, la Gelmini o la Polverini sareste insorti, la Boschi non è stata minimamente toccata da stampa e politica. Unico coerente è Saviano”

“Attendiamo il Presidente Renzi che ci fornisca i verbali della presenza di Boschi quando il governo decideva del salvataggio delle banche, anche delle riunioni preparatorie”

al PD: “Prendevate in giro Berlusconi perché diceva che la legge Frattini era inutile. Siete passati da risolvere conflitto di interessi in 100 giorni a 100 conflitti al giorno.”

“Suddividere Banche commerciali da banche di investimento. Bankitalia deve essere gestita dallo Stato e dal popolo.”

Roberto Occhiuto (FI): “Ci opponiamo a mozioni di sfiducia ad-personam, sono cose che fa la sinistra, ma sfiduceremo questo governo”

Arturo Scotto (Sel): “Il governo ha fatto scelte economiche sbagliate. È stata Bankitalia a commissariare Banca Etruria al’epoca, non il governo, che ha dovuto solo prenderne atto. Bisogna riformare la legge e differenzia banche d’affari da banche di risparmio”

Scelta Civica decide di votare contro la mozione dei pentastellati

Meloni: “Ci chiediamo come mai il M5S abbia presentato una mozione di sfiducia individuale e non al governo? Il Ministro Boschi è l’unico personaggio negativo di questo governo, forse? Forse ciò avviene proprio il giorno in cui il PD e il M5S si sono accordati per leggere i tre membri della Consulta? – Banca Etruria, banca del Giglio Magico fiorentino e renziano”

Durante la discussione della mozione di sfiducia al Ministro Boschi, la Ministra ha risposto alle accuse dei firmatari. “Mio Padre è stato eletto vicepresidente da un’assemblea di soci nel 2014, quando banca Etruria era già in difficoltà, non ne è mai stato il proprietario. Io sono stata la prima della famiglia Boschi a laurearsi, io amo mio padre, aveva origini contadine, si faceva cinque chilometri a piedi ogni giorno soltanto per diplomarsi. La Famiglia Boschi aveva in Banca Etruria alcune migliaia di azioni dal valore di un euro” – il ministro ha elencato le azioni in mano ai famigliari per un valore complessivo di quasi 20000 euro – “dov’è l’aiuto da parte del Governo?” si chiede la Ministra per gli Affari Costituzionali, che poi aggunge: “Se le accuse fossero vere mi dimetterei” e sul padre: “Se ha sbagliato anche lui deve pagare”

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome