Roberto Rojas

Quello che vi raccontiamo questa domenica, la prima di giugno, parte da un assurdo ma che tale non è: un bengala nascosto nelle mutandine di una ragazza di nome Rosenery. È una delle storie più vigliacche della storia del calcio, forse la più vigliacca, trasformatasi poi in una macchia indelebile per il principale protagonista, “El Cóndor”, chiamato così dai tifosi perché sapeva volare da un palo all’altro come un meraviglioso rapace, ma che dopo quella bravata ha detto addio al mondo del pallone. Lei, invece, si è persino guadagnata la copertina della osannata rivista “Playboy, prima di prendere la via della decadenza. Ma torniamo alla guest star. Si chiama Roberto Rojas, ha difeso per 49 volte i pali della porta della nazionale cilena, dal giugno del 1983 fino al 3 settembre del 1989.

Ed è proprio lui a spiegare la genesi di quell’onta incancellabile, che nulla ha a che fare con lo sport. Partendo da tre settimane prima: “Il 13 agosto abbiamo ospitato il Brasile, pareggiando. Non fu una gara, ma una corrida. Romario, attaccante verdeoro, venne espulso dopo aver preso a pugni Alejandro Hisis e si giustificò con l’arbitro sostenendo che Alejandro aveva tentato di morderlo. Un altro mio compagno di squadra, Raul Ormeno, prese a calci Valdo e Branco, e anche per lui scattò il cartellino rosso”.

Calcisticamente parlando, allora, per accedere ai Mondiali in programma l’anno successivo in Italia, il Cile avrebbe dovuto vincere al Maracanà e violare il tempio dei carioca. Arriva il 3 settembre 1989. Il primo tempo si concluse a reti inviolate, davanti a 160mila brasiliani scatenati. All’inizio della ripresa, Careca – che giocava nel Napoli insieme a Maradona – portò in vantaggio i suoi e nei festeggiamenti ecco apparire la mano di Rosenery, protesa a lanciare il bengala che andò a cadere a pochi metri dalla porta, e che aveva messo in sicurezza negli slip per eludere i controlli della polizia.

Roberto Rojas

Ed è in quel preciso istante, con quel bengala in campo, che si consuma la vergogna delle vergogne. “Non aspettavo altro – racconta lo stesso Rojas – mi gettai a terra, come se fossi stato colpito da un proiettile, e mentre mi passavo le mani sul volto afferrai un piccolo bisturi che avevo sistemato in un’intercapedine dei guanti e mi tagliai la fronte. Un colpo netto e deciso”. Il volto coperto di sangue finì in mondovisione e i suoi compagni, all’oscuro di tutto, comunicarono all’arbitro che non avrebbero più giocato. Avrebbero vinto a tavolino e staccato un biglietto per il Belpaese con i brasiliani esclusi.

Roberto Rojas "colpito" dal bengala
Roberto Rojas “colpito” dal bengala

Il “Condorpensava di aver fregato davvero tutti, ma così non è stato. A bordo campo, infatti, c’era un fotoreporter, l’unico a immortalare e dimostrare che quel bengala era caduto a ben tre metri da Rojas, e che quella messa in piedi dall’estremo difensore cileno era stata una pagliacciata. Dalle conseguenze disastrose per il calcio nazionale, uno dei simboli su cui si voleva rinascere dopo la terribile dittatura di Augusto Pinochet. Il Cile, infatti, è stato estromesso non soltanto dal mondiale azzurro, ma anche da quello americano del 1994.

Roberto Rojas e compagni

Con il calcio – ammette – ero arrivato al capolinea. Avevo 32 anni e quella notte si concluse la mia carriera e buona parte della mia vita. Neppure le scuole calcio mi hanno voluto, non sono un buon esempio per i bambini che si avvicinano allo sport. A distanza di anni penso a quella notte, al sangue che mi coprì il volto, e al pube di Rosenery”.

Rosenery Mello su Playboy Brasile del novembre 1989
La copertina di Playboy Brasile del novembre del 1989 con il volto di Rosenery Mello

La cui sorte non è stata meno malvagia. Dalla notorietà raggiunta grazie alla copertina sulla rivista a stelle e strisce, Rosenery Mello Do Nascimento, soprannominata dai media brasiliani come “A Fogueteira do Maracanã” (trad.: la lanciatrice di mortaretti del Maracana) ha concluso i suoi giorni in una baraccopoli di Rio De Janeiro il 4 giugno del 2011 per un aneurisma cerebrale all’età di 45 anni, nella miseria più totale e con il volto devastato dall’alcool.

Rojas invece fu riabilitato dalla FIFA nel 2001.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome