Napoli, Champions League

In questo martedì di Champions League il Napoli è chiamato al riscatto, dopo la prova deludente di Kharkiv contro lo Shaktar. I campani ospitano al San Paolo i Campioni d’Olanda del Feyenoord, che non attraversa un periodo positivo, dopo le sconfitte in campionato con PSV e NAC Breda. La squadra di Rotterdam si presenta senza gli infortunati Botteghin, Jorgensen e Vermeen, ma è una squadra che gioca bene al calcio e resta avversario da non sottovalutare.

Mertens e soci adesso sono motivati dopo lo sfortunato episodio capitato al loro compagno di squadra, Arek Milik, colpito dal secondo infortunio ai crociati nel giro di un anno. Nell’altra gara del girone il City affronta lo Shaktar, battendo il quale si troverebbe da solo in prima posizione nel girone F, inoltre potrebbe già guadagnare un certo margine sulla terza nel caso dovesse uscire fuori un pareggio al San Paolo.

Sul piano dell’ordine pubblico invece si registrano i fermi di alcuni tifosi della squadra di Rotterdam che sono venuti a sostenere gli olandesi, malgrado il divieto imposto dalla UEFA: sono stati fermati ubriachi nel centro storico di Napoli. Tirate pietre contro la polizia, tre arresti.

Napoli-Feyenoord 3-1

Per il Napoli scendono in campo i titolarissimi, ma con un’esclusione eccellente: Raul Albiol, che finisce in tribuna a causa di un dolore alla schiena. Feyenoord in campo con il 4-4-2 invece che con il solito 4-3-3: Van Bronckhorst rinuncia alla seconda punta Kramer. Un 4-4-2 apparente che potrebbe diventare un 4-5-1 per bloccare il gioco del Napoli, con l’arretramento di Berghuis.

Insigne sblocca la partita al settimo minuto, poi più possesso palla da parte del Feyenoord, ma partenopei che gestiscono la partita fino all’intervallo, rischiano di raddoppiare in due-tre occasioni.

Feyenoord apre forte pressando alto, ma ancora una volta è una disattenzione difensiva decisiva per il Feyenoord, che lascia una palla preziosissima a Mertens a tu per tu con il portiere, e il belga difficilmente sbaglia in queste situazioni.

Partita che può cambiare al 68′ quando con un’azione veloce il Feyenoord ottiene un rigore che può riaprire la partita, ma Reina diventa eroe della serata parando il penalty a Toornstra, che esce subito poco per il compagno di squadra Basacikoglu. Ci pensa Callejòn a chiuderla con un bel diagonale che fissa la partita sui tre gol di scarto. Gol nel finale di Abrabat che sigla il gol della bandiera: 3-1 al San Paolo.

Vittoria del Napoli che gestisce a larghi tratti la partita, il City resta in testa alla classifica del Girone F battendo lo Shaktar 2-0, gli ucraini si rivelano un osso duro per il passaggio del turno, Napoli dunque terzo per gli scontri diretti.

TABELLINO

Reti: 7′ Insigne (N), 49′ Mertens (N), 70′ Callejòn (N), Amrabat 90’+3′.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho (80′ Diawara), Hamsik (70′ Zielinski); Callejòn (73′ Rog), Insigne, Mertens.
A disposizione: Sepe, Chiriches, Maggio, Zielinski, Rog, Diawara, Ounas.
Allenatore: Maurizio Sarri

Feyenoord (4-4-2): Jones; Haps, Van der Heijden, St. Juste, Diks; Vilhena, Amrabat, El Ahmadi, Toornstra (68′ Basacikoglu); Boëtius, Berghuis.
A disposizione: Bijlow, Van Beek, Larsson, Basacikoglu, Nelom, Tapia, Vente.
Allenatore: Giovanni van Bronckhorst

Arbitro: Collum di Glasgow (Sco) (guardalinee: McGeachie, Ross; addizionali: Madden, Beaton; iv: Connor)

Note: Ammoniti 37′ Koulibaly (N), 47′ El Ahmadi (F), 54′ Berghuis (F), Diawara 90′. Reina (N) para un rigore al 68′ a Toornstra (F).

PREPARTITA: PROBABILI FORMAZIONI

Napoli (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan Jorginho, Hamsik; Callejòn, Insigne, Mertens.
Allenatore: Maurizio Sarri

Feyenoord (4-3-3): Jones; Haps, Van der Heijden, St. Juste, Diks; Vilhena, Toornstra, El Ahmadi; Boëtius, Kramer, Berghuis.
Allenatore: Giovanni van Bronckhorst


Le altre gare di stasera

GIRONE F: Manchester City-Shaktar Donetsk (City of Manchester Stadium) 2-0 (48′ De Bruyne, 90′ Sterling)
GIRONE E: Spartak Mosca-Liverpool (Otkrytie Arena) 1-1 (23′ Fernando SM, 31′ Coutinho L)
GIRONE E: Siviglia-Maribor (Estadio Ramon Sanchez Pizjuàn) 2-0 (27′ 38′ 89′ Rig. Ben Yedder)
GIRONE G: Monaco-Porto (Stade Louis II) 0-1 (31′, 69′ Aboubakar, 83′ Layun)
GIRONE G: Besktas-Lipsia (Besiktas Park) 2-0 (11′ Babel, 43′ Talisca)
GIRONE H: Borussia Dortmund-Real Madrid (BVB Stadion Dortmund) 1-3 (18′ Bale R, 50′ Ronaldo R, 54′ Aubameyang D, 79′ Ronaldo)
GIRONE H: Apoel-Tottenham (GSP) 0-3 (39′, 62′, 67′ Kane)

Classifiche

GIRONE E: Siviglia 4, Spartak Mosca e Liverpool 2, Maribor 1.
GIRONE F: Manchester City 6, Shaktar Donetsk e Napoli 3, Feyenoord 0.
GIRONE G: Besiktas 6, Porto 3, Monaco e Lipsia 1.
GIRONE H: Real Madrid e Tottenham 6, Apoel e Borussia Dortmund 0.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.