Siamo al secondo giro di consultazioni per la formazione di una maggioranza e quindi anche di un governo, ma al momento attuale il cielo di Roma anziché schiarirsi pare sempre più annuvolarsi. Mattarella ha avvisato che non ci sarà un terzo giro di consultazioni: il tempo delle trattative, dunque, si sta esaurendo.

All’ora di pranzo c’è stato il vertice di Forza Italia a Palazzo Grazioli, residenza romana di Berlusconi, e la capogruppo alla Camera Maria Stella Gelmini ha dichiarato che non devono esserci, da parte del Movimento 5 Stelle, veti sul Cavaliere. Ma Di Maio, irremovibile, ha risposto che Berlusconi deve fare un passo di lato.

“Parteciperemo ad un governo solo se ci sarà una dichiarazione esplicita e chiara da parte dell’M5S e che ci sia pari dignità tra tutte le componenti del centrodestra, FI e Berlusconi. Senza questa condizione la trattativa non potrà neanche iniziare”, ha detto la Gelmini, incontrando questa risposta da parte dei capigruppo del M5S Grillo e Toninelli: “Ribadiamo: mai un governo con Berlusconi e Fi. Forza Italia potrebbe risolvere l’impasse facendosi di lato e consentendo così un governo M5S-Lega”.

La delegazione del Partito Democratico, capeggiata da Martina, ha rinnovato a Mattarella la propria intenzione di restare in minoranza, non partecipando alla formazione di un nuovo governo. Martina ha così dichiarato: “occorre che le forze che hanno prevalso la smettano col tira e molla, le tattiche, i tatticismi, i personalismi estremi e la grande incertezza che stanno generando”, riferendosi in particolare anche alle decisioni da prendere sulla crisi siriana e sulla loro capacità di “essere all’altezza della situazione”.

Molto chiare le parole di Salvini: “Se continuasse il gioco delle tattiche politiche e dei veti mentre gli italiani soffrono vuol dire che la richiesta di cambiamento” emersa dalle elezioni del 4 marzo sarebbe “disattesa. Speriamo non sia così per l’Italia, per noi è il valore più grande”. Ha quindi aggiunto, sempre al termine delle consultazioni al Quirinale: “Ci aspettiamo dalle altre forze politiche, a partire dal Movimento 5 Stelle altrettanta responsabilità nei confronti del paese” rispetto a quella che il centrodestra sta dimostrando. “Abbiamo fiducia nella saggezza e nell’equilibrio del presidente della Repubblica a cui abbiamo rappresentato una serie provvedimenti che gli italiani aspettano”.

Sulla solidità della coalizione di centrodestra, è stato invece Berlusconi a precisare: “E’ solidissima, è compattissima. Mi raccomando fate i bravi e sappiate distinguere i veri democratici da chi non conosce l’abc della democrazia…”.

Queste parole, comunque, hanno destato malumori fra gli altri alleati di centrodestra. Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega al Senato, non ha usato mezzi termini: “I veti non ci piacciono a prescindere dalla provenienza. Non era condiviso e non lo sarà mai da parte nostra un no al dialogo con il Movimento 5 Stelle, seconda forza politica in Parlamento. Le parole finali di Berlusconi oggi al Colle non rispecchiano la posizione della Lega, né quella del centrodestra che oggi si è espresso in maniera unitaria e concordata”.

“Devo dire che ho apprezzato l’apertura da parte di autorevoli esponenti del PD ma è chiaro che in questo momento il PD è fermo su posizioni che non aiutano”, ha invece dichiarato il capo politico del M5S Luigi Di Maio al termine delle consultazioni. “Con la Lega è inutile dire che c’è una sinergia istituzionale che ha permesso di rendere operativo il Parlamento immediatamente”, ha quindi aggiunto. “La Lega deve prendersi sue responsabilità perché sta dicendo che o che vuole fare un governissimo che non ci vede assolutamente d’accordo o che vuole tornare al voto, ipotesi che scongiuriamo ma di cui non abbiamo paura e su cui non abbiamo niente da perdere”. “C’è solo una soluzione per sbloccare questo stallo e investe Silvio Berlusconi: deve mettersi di lato e consentire la partenza per un governo di cambiamento. Altrimenti l’unica risposta è che non riteniamo possibile un governo del M5S con FI”, ha poi concluso.

L’impressione, già solo da queste dichiarazioni, è che il M5S si faccia dettare la linea politica sempre di più dal Fatto Quotidiano e dal suo direttore Marco Travaglio. Il timore dei pentastellati è di perdere forti consensi nel caso di un’alleanza con chi, come Berlusconi, è stato da loro perennemente demonizzato: sanno che i loro elettori probabilmente non gradirebbero. Di fronte al loro ultimatum, comunque, le pressioni su Berlusconi, anche dentro il centrodestra, affinché accetti di farsi da parte sono ormai sempre più incessanti.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.