La Russia accorre in soccorso dell’Italia in una fase particolarmente acuta dell’emergenza Covid-19. In meno di 24 ore dalla chiamata telefonica di Putin a Conte l’aviazione russa è già all’opera all’aeroporto di Chkalovsky. Nove aerei da trasporto IL-76 sono già in fase di carico.

Oltre 100 esperti della Federazione Russa nel campo della virologia e dell’epidemiologia con una significativa esperienza internazionale nella lotta alle epidemie raggiungeranno a breve l’Italia. L’aiuto russo comprenderà attrezzature per la diagnosi e la disinfezione tra cui alcuni veicoli Kamaz di grandi dimensioni specializzati nell’operatività in ambienti esterni.

“Un gruppo di circa 100 persone è pronto per la partenza. Il gruppo include i principali specialisti del Ministero della Difesa russo nel campo della virologia e dell’epidemiologia, che hanno una significativa esperienza internazionale nella lotta alle epidemie”, recita il comunicato. Arriveranno anche “attrezzature moderne per la diagnosi e le misure di disinfezione”.

Giuseppe Conte ha espresso la sua sincera gratitudine per le misure adottate dalla Russia per sostenere in un momento così difficile l’Italia.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome