CONDIVIDI
Franchising

Agli italiani il franchising piace, perché è visto come una soluzione ottimale per fare impresa senza tutti i rischi connessi con l’apertura di un nuovo brand.

I numeri di questo successo? Sono importanti e si parla di circa 24 miliardi di euro per un settore che è in costante espansione. Sono i dati riportati nel Report dell’Osservatorio Federfranchising Confesercenti, che ha messo in risalto uno 0,9% in più su base annua nel 2017. Un risultato che, come detto, attesta il successo del settore. Il legame tra franchisor e franchisee sembra essere più solido che mai e a confermarlo è la crescita nelle statistiche di settore. Nel 2017, in Italia sono stati registrati 977 franchisor attivi e un numero di franchisee (venditori) in costante crescita: si parla di 51.260 realtà! Numeri che fanno ben sperare anche per il futuro.

Nonostante la crisi economica, il settore del franchising continua a navigare a gonfie vele e sbarca anche all’estero. Moltissimi franchising made in Italy sono presenti anche fuori dai confini nazionali e l’incremento da questo punto di vista è notevole. Si parla dell’8,7% in soli 5 anni!

Quali sono i brand che vanno per la maggiore all’estero?

Si parte da Carpisa, uno dei più noti, che sta per aprire almeno altri 40 store all’estero, oltre a quelli che sono già presenti in Spagna, Germania, Russia, Nord Africa, Centro e Sud America. Ci sono anche Yamamay, Natuzzi e Yogorino, impegnati ad aprire nuovi punti vendita non solo in Europa, ma finanche in Corea. Dei dati molto interessanti, quindi, che fanno capire che l’idea del franchising piace eccome e ha successo soprattutto tra i giovani imprenditori, che stanno ritrovando la voglia di fare impresa e di avere successo mettendosi in proprio.

Come avviare un’attività di questo tipo? Semplice. Basta trovare l’azienda che più è affine ai propri interessi e cercare di instaurarci un rapporto di collaborazione. Come si sa, queste aziende propongono notevoli vantaggi a chi accetta di aprire un punto vendita in franchising ed è per questo motivo che è molto utile entrare in questo mondo, soprattutto se non si hanno a propria disposizione tantissimi fondi!

Naturalmente, come sempre, i consigli degli esperti sono importantissimi! Proprio per questo segnaliamo come risorsa da prendere in considerazione le ottime guide specializzate di Intraprendere.net dedicate al franchising che sono una pietra miliare nel settore. Grazie a queste ultime sarà possibile iniziare l’iter per l’apertura di un punto vendita con le idee chiare e con la strada spianata. Del resto, la giungla burocratica e le difficoltà che si possono incontrare vanno affrontate di petto e grazie all’aiuto dei professionisti del settore sarà più semplice che mai!

Che si sia giovani imprenditori o persone più adulte con tanta voglia di fare impresa, poco importa: questo settore è, al momento, aperto a tutti coloro i quali dimostrano di avere voglia di fare, di crescere e di imprendere! Questi sono i punti essenziali per entrare nel mondo del franchising che, come detto e sottolineato, è in continua evoluzione e rappresenta un’ottima carta per il futuro.

I settori che vanno per la maggiore? Anche da questo punto di vista c’è molta, moltissima scelta. I più giovani sono attratti soprattutto dal settore food (31,5%), ma anche moda e abbigliamento (30%) e articoli per la persona (12,5%) vanno forte. Quello che viene maggiormente apprezzato del franchising è che si tratta di una formula che va a ridurre il rischio d’impresa grazie al franchisor che offre il proprio know-how, l’assistenza, la pubblicità e molto altro ancora. In futuro sentiremo parlare sempre più spesso di franchising, ne siamo certi!

CONDIVIDI

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here