Europa Unita

Se ancora non vi era chiaro quanto fosse fallimentare l’Unione Europea come progetto politico (quando finirà l’idolatria per l’Ue in Italia sarà sempre troppo tardi) il coronavirus dovrebbe cominciare a minare le convinzioni di molti di voi.

In fondo questa Europa del nord alla quale piace stabilire regole e regolette sui bilanci e sulle merci, ma non sa come combattere l’evasione fiscale delle grandi multinazionali, ma anzi la incoraggia tollerando l’istituzione di veri e propri paradisi fiscali all’interno dell’Unione è come una grande e bionda “Padania”.

L’Italia recita il ruolo del Regno Delle Due Sicilie colonizzato dal Regno di Sardegna di Vittorio Emanuele II. L’italiano è considerato razzialmente inferiore, deve dare solidarietà, attenersi alle regole che vengono imposte, ma mai riceverla. Quando la banche francesi e tedesche erano nei guai a causa della loro esposizione con la Grecia, l’Italia ha dovuto tirar fuori per i fondi europei salva-stati ben 50 miliardi di euro. Delle migliaia di immigrati che vorrebbero raggiungere i paesi europei passando per le coste greche e italiane ci è stato detto di occuparcene, perché l’Europa deve “fermare gli egoismi” secondo il presidente francese Macron. Peccato che proprio lo Stato francese è avvezzo ai respingimenti di orde di immigrati al confine di Ventimiglia.

Tante belle parole, tante belle lezioni e tante grazie, la questione migratoria tanto allegramente abbracciata da Hollande e Merkel e che aveva l’intento mal celato di poter controllare il mondo arabo-musulmano tra il 2012 e il 2017 ha causato in Francia la quasi cancellazione del partito socialista che era stato di Mitterand e in Germania un calo dei consensi tale da portare lo scompiglio nella CDU e una crisi di governo di ben sei mesi alle politiche del 2018, seguiti dall’annuncio del ritiro della Merkel come leader del maggiore partito conservatore tedesco. Meglio lasciare tutto il peso degli ingressi irregolari ai paesi “transfrontalieri”, ovvero alla povera Grecia e alla povera Italia.

Quella fessa Italia, che dopo aver svolto tutti i “compiti a casa”, dopo aver contribuito alle istituzioni europee per sessant’anni si vede ancora costretta a tagliare servizi fondamentali dello Stato a non poter fare investimenti preziosi per il proprio futuro. Una fessa Italia che dopo aver consentito a banche e multinazionali francesi di occupare il mercato italiano si vede estromessa dai Cantieri di Saint-Nazaire, dopo che la Leonardo aveva vinto una regolare gara per aggiudicarsi le quote della sudcoreana STX, in barba a tutte le regole europee su aiuti di Stato e nazionalizzazioni.

Mentre nel nostro paese orde di uomini di buon cuore solidarizzano con francesi, tedeschi, danesi, e altri popoli europei per disgrazie e attentati, mentre in Italia tutti “je suis Charlie (Hebdo)”, che dopo aver insultato e preso per i fondelli la divinità ed il profeta di qualche miliardo di persone, ha subito la reazione di qualche estremista, mentre tutti in Italia volevano “defend Paris” e tutti i politici europei scendevano in piazza (anche in modo abbastanza raccapricciante) per sconfiggere il terrorismo. Mentre facciamo tutte queste belle cose, i francesi continuano a prendere per i fondelli Roma con la loro satira da strapazzo, una satira che non prende di mira i potenti, ma ridicolizza le vittime: dalle vignette di quel Charlie Hebdo per il quale tutti solidarizzavano e che mettevano in ridicolo i poveri disgraziati finiti vittima del terremoto nel Centro Italia del 2017, all’ultimo video del pizzaiolo “italiano” che sputa nel piatto e diffonde il coronavirus, tanto “è satira!”.

Il messaggio è chiaro: “voi italiani siete sporchi e zozzoni e vi ammalate per questo”, all’Unione Europea serviamo per tenere a bada tutte le potenzialità di una penisola al centro del mediterraneo riconosciuta in tutto il mondo per il proprio stile di vita e per il proprio artigianato. I paesi del sud dell’Europa servono a Francia e Germania come grandi mercati di esportazione, grandi bacini di consumo finanziati dalle loro stesse banche, un circolo vizioso, che arricchisce alcuni paesi a scapito di altri, un vero e proprio imperialismo da terzo mondo.

È il segreto di pulcinella che nelle trattative per la moneta unica, Berlino pretese che anche l’Italia entrasse dentro i meccanismi di quello che sarebbe stato il trattato di Maastricht, o altrimenti l’economia tedesca sarebbe perita a causa delle grandi capacità di esportazione italiane. Siamo poco più che una colonia alla quale dal 2011 è stato tolto anche il velo di ipocrisia di una qualche presunta democrazia: Napolitano e Mattarella svolgono la funzione di Vicerè, il presidente del consiglio, chiunque esso sia, è un semplice commissario che si barcamena tra consenso politico e gli ordini dall’alto.

Niente mascherine dunque per l’Italia, l’Europa se li tiene per sé, muoia Sansone con tutti i filistei. Gli italiani sono sacrificabili, se crepano li pagherà qualcun altro i loro debiti. Se il calcio italiano si ferma, si può giocare sempre senza le italiane. Differente invece l’atteggiamento della Cina, la quale avrebbe offerto all’Italia oltre a ogni genere di rifornimenti medici e sanitari, anche la messa a disposizione di personale sanitario. In fondo in Europa guardano al nostro paese come Merkel e Sarkozy guardavano Berlusconi nel 2011, un sorriso bonario e pacche sulle spalle, come il grande proprietario alla sua servitù, come il genitore al bambino che crede di essere diventato grande, ma è ancora inesperto, come il leghista di un tempo, per tornare al nostro incipit, con il meridionale, che può essere bravo, educato e lavoratore quanto vuole lui, ma resta sempre un terrone, brutto, sporco, che non ha voglia di far nulla. “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello!” diceva qualcuno.

2 COMMENTI

  1. Si, questa Europa è un progetto fallimentare senza ombra di dubbio ma non è solo a causa dell’Europa se dal 1980 (Reagan/Thatcher) al 2013 i posti letto in terapia intensiva in Italia sono passati da 922 a 275 ogni 100 mila abitanti e così più o meno nel resto di Europa.
    Dopo tutti gli anatemi riservati ai nostri amici tedeschi, francesi, inglesi ed europei in genere, per non lasciarsi obnubilare dal patriottismo, sebbene sentimento positivo e, nello specifico, comprensibile rifugio, o peggio scadere nel becero nazionalismo, bisognerebbe mantenere la lucidità per distinguere i comportamenti anche tra italiani e italiani. Chi oggi è in trincea negli ospedali non è come chi ha preso il proprio aereo privato ed ha lasciato le zone colpite dall’epidemia. Chi è costretto a lavorare senza presidi, anche in servizi non essenziali, non è come chi continua a tener aperte le fabbriche favorendo il contagio per arricchirsi mentre il paese è in ginocchio. Chi è debole, immunodepresso, anziano e oggi rischia di morire senza nemmeno essere curato, non è come chi ha tagliato fondi alla sanità pubblica e permesso ai privati di arricchirsi sulla malattia delle persone. Chi riceve tamponi anche senza sintomatologia perché appartiene al mondo dello sport, dello spettacolo, della politica, non è come chi muore a casa, da solo, Europa o non Europa…

    • Inviterei a guardare un po’ più a ampio raggio rispetto al solo caso del Coronavirus. Naturalmente la nostra classe dirigente ha le proprie responsabilità nell’aver avallato il progetto europeo e privilegiato codesto al benessere del nostro paese. È un discorso lungo.

      Cordiali saluti,
      MC

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome