CONDIVIDI
Donbass, il caso del piccolo Matvej

Aiutateci a Salvare i Bambini (www.aasib.org) dal 2001 opera in favore dei bambini che vivono nella Federazione Russa e nei Paesi russofoni. Bambini gravemente ammalati, abbandonati e vittime del terrorismo e delle guerre.

Ogni caso è importante, ma alcuni casi sono “straordinariamente” impegnativi per la portata dall’impegno finanziario richiesto.

Il caso di Matvej

Un caso che vorremo diventasse “il Regalo di Natale” dell’Italia per il Donbass in guerra è quello di Matvej di Enakievo (Donezk). Matvej oggi ha due anni, ma all’età di un anno gli è stata diagnosticata una sordità neurosensoriale bilaterale di 4° grado. L’unica possibilità affinché non rimanga sordomuto tutta la vita è un operazione che gli permetta di inserire una protesi cocleare.

Il piccolo Matvej
Il piccolo Matvej in una foto di famiglia

La guerra del Donbass dal 2014 non significa solamente bambini morti, feriti e mutilati. Significa per la popolazione locale anche una drammatica mancanza di risorse, soprattutto per il sistema sanitario. E questa mancanza di possibilità nega alla popolazione ed ai bambini ammalati in particolare ogni possibilità di cura e guarigione.

Il suo caso, come moltissimi dalle zone di guerra, ci è arrivato via mail dalla sua mamma Karina e confermato dai nostri volontari. Ora siamo impegnati a raccogliere i 21mila euro necessari a far sentire il futuro a Matvej. La voce della sua mamma, le voci dei compagni di classe quando andrà a scuola, la voce della prima fidanzata…

La raccolta è già partita e in alcune settimane sono già stati raccolti 14mila euro. Ma la strada è ancora lunga ed il tempo breve. Lanciamo questo “Messaggio nella bottiglia” della rete in un sito amico e soprattutto amico della verità. Aiutateci a salvare Matvej dalla sordità eterna. #SalviamoMatvej.

Per ogni informazione rivolgersi a: http://www.aasib.org/bambini/emergenze-bambini/365-matvej-t.html. L’associazione “Aiutateci a Salvare i Bambini ONLUS” ringrazia tutti coloro che risponderanno all’appello.

UN COMMENTO

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here