CONDIVIDI
Pravy Sektor

L’8 agosto, il capo della Repubblica Popolare di Donetsk (DPR), Alexandr Zakharchenko, ha detto che nel prossimo futuro potrebbe verificarsi un deterioramento della situazione sulla linea del fronte nel Donbass. “Ogni sera si verificano dei tentativi di spezzare la linea del fronte nella regione meridionale. L’altro ieri è accaduto nei pressi di Svetlodarsk. Il nemico sta crescendo e apporta armi, munizioni e personale. Credo che presto avverrà un deterioramento,” ha detto Zakharchenko.

Negli ultimi giorni, infatti, nel Donbass si sono sentiti in continuazione gli spari. L’Ucraina sta concentrando le proprie forze militari ai confini delle repubbliche del Donbass, un procedimento già avviato mesi fa. Nella situazione attuale, tuttavia, vi è una caratteristica importante: il conflitto non si è intensificato solo tra l’Ucraina ed il Donbass, ma anche all’interno delle stesse forze armate ucraine.

Pochi giorni fa, infatti, l’esercito ucraino (APU) ha sparato dei colpi da un razzo del sistema di artiglieria Grad sulle posizioni delle formazioni paramilitari Pravy Sektor (“settore destro”, create durante l’Euromaidan e di orientamento neonazista). Non si sa quanti neonazisti ucraini siano rimasti vittime del “fuoco amico”, ma si sa che questi hanno promesso di vendicarsi. I militanti del Pravy Sektor avrebbero infatti annunciato il lancio di “un’operazione di rappresaglia” contro i comandanti ed i membri delle forze armate dell’Ucraina.

Secondo l’intelligence della DPR, i nazisti ucraini sarebbero rapidamente passati dalle parole ai fatti. L’8 agosto, il rappresentante del comando militare della DPR, Eduard Basurin, ha detto che l’intelligence della repubblica del Donbass ha riportato un movimento di colonne naziste ucraine nella zona di responsabilità della 59ª brigata separata di fanteria motorizzata dell’APU: “È stato rilevato un convoglio di cinque autobus e di cinque camion blindati, e nella zona di Kramatorsk (città del Donbass sotto il controllo dell’esercito ucraino, N.d.R) è stato avvistato un convoglio di 28 camion con i nazisti.”

Secondo alcuni esperti in Russia, il comando ucraino potrebbe guidare l’insorgenza dell’APU contro le postazioni della DPR, per far sì che l’astio del Pravy Sektor e dell’esercito ucraino non si volgano l’uno contro l’altro, bensì contro il nemico comune. Inoltre, l’Ucraina non può mostrare una spaccatura nelle sue fila, che rischierebbe di trasformarsi in una guerra su vasta scala tra le forze paramilitari naziste e l’esercito regolare. Secondo gli esperti, la guerra, almeno nelle forme locali, è più redditizia all’Ucraina: se così fosse, in un prossimo futuro, bisognerebbe aspettarsi un aggravamento della situazione nella DPR.

Alcuni esperti di Donetsk hanno aggiunto che le forze ucraine aspettano da lungo tempo un attacco, e sono pronti ad incontrarlo a testa alta. Secondo gli stessi esperti, il conflitto tra i neonazisti e gli ufficiali e soldati della APU va avanti da molto tempo, sfociando periodicamente in scontri su larga scala. Il numero delle vittime degli scontri tra le forze armate dell’Ucraina ed il Pravy Sektor sono accuratamente nascosti, ma in tre anni di guerra nel Donbass si possono contare centinaia di persone da entrambe le parti. Un’altra guerra civile sanguinosa e poco conosciuta nel Donbass.

Silvia Vittoria Missotti

2 COMMENTI

  1. ……e tutto questo e’ risaputo dalla stampa Occidentale e dagli Americani ma ‘ tutto tace’….comunque forza e coraggio grande Donbass….

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here