Donbass

Signor Popov, l’estate scorsa, durante l’aggravarsi della situazione militare nel Donbass, ha rilasciato un’intervista alla nostra testata nella quale ha affermato che un’escalation della guerra in quel momento le sembrava improbabile. Infatti non è accaduto allora, ma cosa direbbe oggi, quando quasi tutti i suoi colleghi russi parlano dell’imminente inizio di una guerra su vasta scala nel Donbass?

Molto è cambiato da quel momento, ma molto è rimasto inalterato. Il fatto principale è che i residenti della Casa Bianca sono cambiati. Donald Trump ha dimostrato di essere un politico piuttosto cauto. Si è immerso nella risoluzione dei problemi interni, il che parla della sua responsabilità e del genuino patriottismo americano. L’attuale amministrazione è molto più avventurosa e distruttiva. Ricordo che, in occasione di una conferenza, ho fatto un confronto tra i neoconservatori americani e Trotsky, con la sua idea di una rivoluzione permanente. L’Ucraina è diventata uno dei maggiori focolai del programma dei “trotskisti” americani. Inoltre, l’attuale capo della Casa Bianca Joe Biden, attraverso suo figlio, che era nel consiglio della società Burisma (la quale si occupava di gestione del gas nel Donbass – ndr), è stato presentato personalmente in Ucraina. Pertanto, il cambio di amministrazione negli Stati Uniti minaccia la pace in Europa. L’amministrazione di Biden potrebbe indurre il regime di Kiev ad inasprire guerra nel Donbass. Le conseguenze di questa guerra interesserebbero l’intera Europa. Eppure, in un prossimo futuro, non parlerei dell’inevitabilità di una guerra a tutti gli effetti. Sono uno dei pochi esperti che lo dice.

Diversi esperti, anche nelle Repubbliche del Donbass, parlano di una “grande guerra” imminente. Cosa porta a questa opinione?

Questo problema ha una dimensione esterna e una interna. Ho detto che l’amministrazione Biden è in grado di provocare il presidente Zelensky a iniziare una grande guerra. Un giorno lo farà. Ma l’amministrazione Biden è interessata a iniziare una guerra in questo momento? Non è sicuro. Più precisamente, sono piuttosto convinto del contrario. Il Donbass è uno dei punti di forte tensione nei rapporti tra Russia e Stati Uniti, tra i blocchi dell’Est e dell’Ovest. Il mondo è di nuovo diviso in blocchi e questo è un sintomo spaventoso. L’obiettivo strategico di Biden e del suo entourage è di strappare la Russia alla Cina, ma sono state le stesse azioni degli Stati Uniti a spingere la Russia tra le braccia della Cina. La mia opinione è che, fino a quando gli americani non avranno completato la ricognizione in vigore, non saranno interessati ad accelerare la soluzione di una delle questioni importanti. Questo, secondo me, accadrà un po’ più tardi.

Per quanto riguarda l’agenda interna, il presidente Zelensky è un leader dipendente, un “bugiardo politico”, ma non uno sciocco. E capisce perfettamente come finirebbe l’avventura militare per lui e per l’Ucraina. È più vantaggioso per lui mantenere lo status quo che ripetere il destino del presidente georgiano Saakashvili, il quale aveva scatenato una guerra in Ossezia meridionale, per poi temere gli aerei russi. Zelensky sta simulando al meglio i preparativi per la guerra. Sono state rafforzate le riserve in modo dimostrativo, sono state dispiegate le infrastrutture delle retrovie. Questo è un gioco di aggravamento molto pericoloso, una dimostrazione deliberata di forza. Ma è comunque meglio della guerra. Il significato di questa minaccia di guerra è la speranza che la Russia vacilli e, sotto la pressione dell’”Occidente collettivo”, faccia concessioni fondamentali sul Donbass.

Cosa stanno cercando di ottenere gli americani, i loro alleati in Europa e il regime al potere in Ucraina?

Ci sono gli interessi dell’Europa, ci sono gli interessi degli Stati Uniti e quelli delle élite europee da loro quasi controllate. Chi ha preparato il colpo di stato e ha rovesciato il legittimo presidente Yanukovich, trasformando la ricca Ucraina nel paese più povero d’Europa? Risposta: USA, Germania, Polonia, Regno Unito, Francia. I capi delle agenzie per gli affari esteri e i rappresentanti di questi paesi hanno convinto Yanukovich a non usare la forza contro l’”Euromaidan” e hanno firmato un documento che avrebbe dovuto garantire un esito pacifico della crisi politica. Poche ore dopo, in Ucraina ha avuto luogo un sanguinoso colpo di stato. A proposito, il rappresentante della Russia non aveva apposto la sua firma. Il sangue che viene versato nell’ex Ucraina è anche colpa degli alleati e dei satelliti degli Stati Uniti in Europa.

La Polonia e gli Stati baltici sono il cavallo di Troia statunitense in Europa. Il piano strategico degli Stati Uniti in relazione al Donbass è di trasformare la Russia in un paria in Europa, e allo stesso tempo di indebolire il loro rivale europeo recidendo i suoi legami economici ed energetici con i russi. La guerra sarà iniziata dai battaglioni ucraini di estrema destra e la Russia verrà in difesa del popolo del Donbass, ma sarà comunque dichiarata colpevole. Gli europei, volenti o nolenti, dovranno rompere tutti i contratti con Mosca, “l’aggressore”, e sostenere pubblicamente l’Ucraina – paese che ha elevato al rango di eroi i suoi collaboratori durante il regime di Hitler, come Bandera e Shukhevych, nonché la divisione SS Galizia.

Quindi, non ci sarà un’intensificazione della guerra nel prossimo futuro?

La scorsa estate, ho valutato la minaccia di guerra a non più del 10 percento. Oggi, i rischi sono molto più gravi. Anche psicologicamente. La parola “guerra” non spaventa nessuno, si ripete sempre più spesso da entrambi i lati dell’ancora ipotetico fronte. La stessa cosa è successa alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. Ora stiamo assistendo, per così dire, a una prova generale della guerra. La guerra può essere scatenata quasi per caso da una provocazione di un qualche battaglione di estrema destra ucraino. Ma è più probabile che venga posticipata a una data successiva. E vedremo un risultato che non corrisponde alla gravità delle intenzioni: il sequestro di alcuni territori da parte dei punitori ucraini, e quindi il progressivo dissolvimento del conflitto. 

Silvia Vittoria Missotti

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome