CONDIVIDI

La Cassazione della Repubblica Araba d’Egitto, ha annullato la condanna a morte emessa nel 2015 contro il deposto Presidente della fratellanza musulmana, Mohamed Morsi, chiedendone un nuovo processo.

Morsi fu condannato alla pena capitale per aver ordito un’evasione di massa dal carcere di Wadi el Natroun nel gennaio del 2011, durante le proteste contro Mubarak.

Dopo essere stato deposto dai militari del Generale al-Sisi – a seguito di imponenti manifestazioni popolari – Morsi ha subito due condanne all’ergastolo per spionaggio a favore del Qatar e di Hamas, e a 20 anni di reclusione per aver represso nel sangue le proteste contro il suo regime nel 2012.

Antonello Tinelli

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO