In Giappone la coalizione del governo uscente, guidato da Shinzo Abe e formata dallo storico partito liberaldemocratico e dalla forza di centrodestra del New Komeito, si è confermata largamente in testa nelle elezioni legislative convocate per il rinnovo della Camera bassa. Secondo alcune anticipazioni, i due partiti insieme avrebbero addirittura i due terzi della Camera bassa, una maggioranza pertanto lusinghiera.

Shinzo Abe aveva deciso di sciogliere la Camera bassa in anticipo di un anno rispetto alla sua scadenza naturale per approfittare dello sfaldamento dell’opposizione e del suo aumento di popolarità attestato dai sondaggi e dovuto all’acuirsi delle tensioni con la Corea del Nord.

Il tifone Lan, abbattutosi sul Giappone proprio nel bel mezzo delle elezioni legislative, ha costretto alcuni centri elettorali a rimandare lo spoglio delle schede, e sempre per lo stesso motivo 34 centri elettorali in 14 diverse municipalità hanno anticipato il voto a sabato in modo da permettere a più elettori possibili di parteciparvi. Pertanto, mancano ancora i voti di alcune importanti realtà del paese per avere un risultato chiaro e definitivo, anche se i giochi sono ormai praticamente fatti.

 

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome