sicilia, palermo

La Sicilia e la città di Palermo si confermano tra le mete più ambite dagli italiani e stranieri per le prossime vacanze estive 2018. I primi dati relativi alle prenotazioni mostrano come la regione sicula abbia scalzato dalle preferenze altre agguerrite e forti concorrenti quali la Sardegna e la Puglia, grazie anche allo sforzo che le Istituzioni, gli addetti al settore e gli operatori turistici hanno messo in campo per valorizzare tale territorio.

La capitale siciliana non è più rinomata solamente per le sue bellezze naturali, per il sole e il mare, ma ora viene sempre più apprezzata anche per il suo patrimonio culturale, storico e archeologico, per i sapori tipici di un comparto enogastronomico caratterizzato da un’ampia gamma di prelibatezze e ora anche per i tantissimi eventi di vario genere che la città mette a disposizione durante tutto l’arco del periodo estivo. Questi fattori, unitamente alla facilità e all’economicità con cui oggi è possibile prenotare traghetti per la Sicilia, rende l’isola una meta raggiungibile e che non determina per le famiglie dei grandi costi per il viaggio. Tutto questo grazie all’esperienza e ai servizi che Moby, azienda leader nel trasporto via mare, mette a disposizione traghetti veloci di ultima generazione per raggiungere il porto di Palermo nel massimo comfort e con servizi di bordo di elevato livello.

Guardando nel dettaglio gli eventi musicali che i turisti troveranno nella capitale siciliana, si parte con la rassegna estiva del Teatro Massimo che pone al centro dell’attenzione la musica jazz, cabaret e l’opera in Piazza Verdi. L’evento principale della settimana di apertura si terrà il 12 giugno in cui si terrà la “Manifesta 12 borderless conference” alle ore 18, mentre alle ore 20.30 ci sarà la rappresentazione di “Bintou Were, a Sahel opera”, una composizione africana realizzata sul libretto di Wasis Diop e Koulsy Lamko e musica di Ze Manel, che viene presentata in esclusiva per il Teatro Massimo in una nuova versione. L’opera viene presentata per la prima volta in un teatro italiano e con la regia di Massimo Lucconi porterà in scena un cast interamente composto da interpreti africani.

Proseguendo nel calendario, il 15,16 e 17 giugno torna il tradizionale appuntamento con “Piazza Massimo”, che mette a disposizione per ogni sera seicento posti, in Piazza Verdi, offerti al costo di un euro. Il sabato successivo alle ore 20.30 ci sarà “L’elisir d’amore”, l’opera di Donizetti, nella regia di Victor Garcia Sierra e che vedrà in scena Laura Giordano, Arturo Chacòn Cruz, Giuseppe Altomare e Giovanni Romeo. Domenica andrà in scene la Cavalleria Rusticana con la regia di Marina Bianchi e la direzione di Maria Carminati.

Domenica 24 giugno il Teatro Massimo si sposta nelle piazze e strade del quartiere Zen, dove dalle 18.30 si terrà (H)èllozen, con la direzione di Michele De Luca e la partecipazione di musicisti di tutte le età, della Fanfara del 12° Battaglione Carabinieri Sicilia, la Fanfara del 6° Reggimento Bersaglieri Trapani e la banda del Corpo Forestale della Regione. La grande opera torna anche a luglio, con il giorno 6,10 e 13 che vedrà andare in scena nel chiostro della Galleria d’Arte Moderna il “Don Pasquale” con la regia di Roberto Catalano con biglietti a posto unico non numerato a partire dai 15 euro.

La Massimo Kids Orchestra diretta da Michele de Luca andrà in scena nel chiostro della Galleria d’Arte Moderna sabato 7 e domenica 8 luglio alle ore 20,30, mentre giovedì 12 luglio al Teatro di Verdura alle ore 21,15, sabato 14 luglio alle ore 21,30 presso il Teatro Antico di Taormina e domenica 15 luglio alle ore 21,30 sulla scalinata della Cattedrale di Noto l’orchestra del Teatro Massimo prenderà parte al tour “Vinicio Capossela nell’orchestra”, con la musica timbrica e la complessità armonica di Capossela unita all’orchestra sinfonica.

Concludono il programma il 22 luglio alle ore 21,15 al Teatro di Verdura la produzione Pink Floyd/Carmina Burana e il 25 luglio alle ore 21,15 presso il Teatro di verdura e il 27 luglio ore 21,30 presso il Teatro Antico di Taormina la “Teresa Valèry”, lo spettacolo di Teresa Mannino che rivisita le vicende de La Traviata.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.