Nel 2017 i leader africani ed europei si sono riuniti in Costa d’Avorio per rafforzare i legami politico-economici e affrontare le linee di cooperazione per il futuro. Era il quinto summit dal 2000. Nel 2018, la Cina ha ospitato il vertice FOCAC a Pechino per indirizzare ulteriormente le direzioni di cooperazione. Sia l’UE che la Cina hanno avuto relazioni storiche con l’Africa, entrambi hanno bisogno delle sue risorse e, soprattutto, della sua stabilizzazione.

Tuttavia, i percorsi relazionali sono stati radicalmente diversi: schiavitù, colonizzazione, evangelizzazione e sfruttamento senza sviluppo nel primo caso; anti-colonialismo, anti-imperialismo, lotta per l’indipendenza nazionale nel secondo caso.

La strategia congiunta Africa-UE, definita nel 2007, ha cercato di sviluppare una visione condivisa e principi comuni. Il quadro di cooperazione internazionale tra l’UE e i paesi ACP è un’altra forma attraverso cui l’Europa si è relazionata all’Africa in molti campi sin dagli anni Cinquanta. In entrambi i casi, le dichiarazioni sulla parità di partenariato e sui processi decisionali comuni non hanno mai corrisposto a una reale reciprocità.

Durante i secoli di contatti e di impegno europei con l’Africa, non possiamo individuare l’inizio di un vero sviluppo in termini di industrializzazione e modernizzazione. La precedente conquista e colonizzazione ha sostituito, in fase post-coloniale, l’ingresso economico e militare degli Stati Uniti e nuove forme di sfruttamento occidentale attraverso la supremazia tecnologica e i mezzi finanziari. Tutti gli interventi europei/occidentali in Africa sono legati a condizionalità politico-economiche e a varie forme di interferenza negli affari interni dei singoli paesi. Per ricevere aiuti o prestiti ogni paese è stato obbligato a seguire determinate condizioni preliminari e a seguire l’agenda europea.

Le crisi del debito sovrano in Africa e in altri paesi di recente indipendenza derivano da questa modalità occidentale di gestire l’internazionalizzazione del sistema creditizio sin dalla fine degli anni Settanta. Sfortunatamente, lasciare l’Africa in condizioni di dipendenza dall’Europa è stata una strategia, tipica dell’imperialismo. Altrimenti, non si può capire perché non ci siamo mai impegnati nella costruzione di infrastrutture di base per collegare internamente le regioni africane. Altrimenti, non si può capire perché non sia stato sviluppato alcun collegamento aereo. Altrimenti, non si può comprendere l’entità del sottosviluppo se non consideriamo, ad esempio, il controllo militare e finanziario di Parigi, anche sotto forma di emissione di valuta, anche oggi nell’Africa occidentale. Per non parlare del più recente intervento “umanitario”, sotto l’etichetta “responsabilità di proteggere”, che ha distrutto la Libia e favorito la diffusione del terrorismo.

“Dopo l’indipendenza africana, l’Europa sta ancora tentando di dominare l’Africa attraverso la cultura, la lingua, la religione, la finanza e la tecnologia – ha detto il generale in pensione Giorgio Spagnol – Non c’è dubbio che l’Africa è ancora una volta alla fine della partnership Europa-Africa. Definendo e imponendo modelli politici per la gestione dei paesi africani, l’Europa sembra determinata a mantenere il modo in cui il “partenariato Africa-Europa” è attualmente strutturato”.

Contrariamente, se guardiamo all’approccio cinese all’Africa, abbiamo un senso di cooperazione concreta. Abbiamo un segno di un diverso modello di cooperazione che potrebbe diventare un riferimento per il mondo intero, e in particolare un’opportunità per l’Europa di cooperare in modo diverso con l’Africa, integrando le azioni cinesi. Prime ferrovie, satelliti, programmi di formazione congiunti, investimenti in campo ambientale, scuole, ospedali, zone economiche speciali, ecc. Alla ricerca del soddisfacimento dei suoi bisogni – terra, materie prime, energia – la Cina sta stabilendo relazioni reciprocamente vantaggiose con molti paesi africani, come riconosciuto, tra i molti, dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che ha dichiarato: “la cooperazione tra Cina e Africa è fondamentale per il successo africano e contribuisce allo sviluppo globale e alla pace”.

Mettere in atto piani per lo sviluppo e la stabilizzazione dell’Africa è fondamentale sia per la Cina che per l’Europa, è l’unica vera risposta strutturale alle crisi migratorie, alla diffusione del terrorismo e al sottosviluppo. È allo stesso tempo una grande opportunità, ma basata su un diverso approccio culturale, incorporato nel rispetto reciproco. L’Italia, al centro del bacino del Mediterraneo, alla periferia europea, ai confini africani, europei e asiatici, ha espresso e proposto una nuova piattaforma di cooperazione dell’UE con la Cina in Africa. Il mio auspicio è che l’Italia possa essere in grado di influenzare l’UE in questa direzione, come nell’intenzione ufficiale del sottosegretario Michele Geraci e dell’ex presidente della Commissione europea Romano Prodi.

UN COMMENTO

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.