CONDIVIDI
le pen macron

Per le presidenziali il candidato del Front National, Marine Le Pen e il candidato indipendente, Emmanuel Macron, ex ministro del governo Valls, sono in testa ai sondaggi, e diventano i favoriti per il ballottaggio.

Lo dice la società Odoxa Dentsu che ha realizzato il sondaggio per il settimanale francese Le Point questo venerdì. Secondo i sondaggisti il candidato populista e quello di centro avrebbero staccato nettamente i loro avversari, le preferenze per la Le Pen si aggirerebbero attorno al 23%, mentre in testa viene dato il candidato di centro Macron con il 24,5% delle preferenze. Tra gli “inseguitori” la possibile sorpresa Melenchon, che per ora è dato al 19%, mentre Fillon resta stabile al 18,5% dopo lo scandalo parlamentare.

Melenchon, candidato della sinistra radicale potrebbe quindi sognare di recuperare qualche voto nei confronti di uno dei due candidati ed accedere addirittura al secondo turno, minacciando uno scenario di un confronto Le Pen-Melenchon che non piacerebbe molto ai mercati, tradizionalmente favorevoli a governi moderati e europeisti.

Tuttavia come da sempre in Francia alle presidenziali saranno decisivi gli spostamenti di voto al ballottaggio. Se alle presidenziali del 2002 e alle ultime regionali del 2015 fu decisivo l’unione dell’arco costituzionale contro i Le Pen, Marine Le Pen attuale candidata della destra francese ha di certo più chance di vittoria, con i venti di crisi che soffiano sul Partito Socialista in vera crisi di consensi (Hamon all’8% non ha avuto neanche l’endorsement dell’ex primo ministro Valls).

Se come probabile lo scontro dovesse essere tra il liberal-socialista Macron, spinto da media e politici filoeuropeisti a spron battuto e la populista Le Pen, la vittoria del primo non è così scontata. Il programma di Melenchon è molto più simile a quello della Le Pen sul piano economico: nella critica all’europa fino alle pensioni. Pensioni che invece Macron vorrebbe riformare presentandosi con un programma dai contorni liberisti. Non è detto quindi che nel segreto nell’urna l’elettore di destra il 7 maggio non preferisca il populismo al liberismo europeista di Macron, mentre parte dell’elettorato di Fillon potrebbe preferire la Le Pen sui temi della sicurezza.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here