francia, attentato

Un uomo armato si è barricato in un supermercato di Trèbes, nel sud-ovest della Francia. L’uomo avrebbe gridato “Sono dell’Isis” e terrebbe in ostaggio la clientela. Due ostaggi sarebbero rimasti uccisi, mentre altri, almeno una decina, sarebbero feriti.

Il movente, secondo il giornale locale La Depeche du Midi, sarebbe quello di “vendetta per la Siria”.

Le notizie sono ancora frammentarie. All’interno del supermercato “Super U” di Trèbes, il sequestratore sembrerebbe armato di bombe a mano. Un ufficiale della gendarmeria sarebbe stato presente alla presa degli ostaggi.

L’episodio è stato preceduto questa mattina a Carcassonne, distante pochi chilometri da Trèbes: lo stesso uomo avrebbe sparato colpi d’arma da fuoco  contro due poliziotti al grido di “Allah Akbar”. Uno dei poliziotti sembra essere rimasto ferito alla spalla.

Il presidente francese Emmanuel Macron si trova oggi a Bruxelles per il vertice UE.

AGGIORNAMENTO ORE 14

L’uomo sarebbe stato identificato attraverso la targa della sua auto, parcheggiata ora davanti al supermercato di Trèbes: si tratterebbe di un tunisino già noto alle forze di sicurezza.

Una trattativa sarebbe in corso tra il sequestratore e gli agenti di polizia. Una decina di ostaggi sarebbe stata rilasciata e come contropartita sarebbe stata richiesta la scarcerazione di Salah Abdeslam, l’unico superstite degli attentati parigini del 13 novembre 2015, attualmente in carcere in Francia. Lo riferisce Bfm-Tv.

Bfm-Tv riferisce anche che i morti sarebbero almeno tre.

AGGIORNAMENTO ORE 14.50

Il sequestratore sarebbe stato ucciso a seguito dell’assalto dato dalle teste di cuoio. Dopo il rilascio degli ostaggi, all’interno del supermercato erano presenti solo l’attentatore e un membro delle forze di polizia che si era consegnato in cambio del rilascio degli ostaggi.

Va fatta una rettifica rispetto a quanto detto prima: in mattinata, prima dell’attacco agli agenti di polizia di Carcassonne, l’attentatore avrebbe rubato una Opel corsa di colore bianco, sparando al conducente e ferendolo gravemente. Il passeggero che era a fianco è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.

Durante la corsa in auto conseguente al furto, l’attentatore avrebbe incontrato gli agenti di polizia ad un posto di blocco e a quel punto sarebbe iniziata la sparatoria citata.

Il sequestratore sarebbe un marocchino di 25 anni già schedato per radicalizzazione.

AGGIORNAMENTO ORE 15.50

Il Front National ha presentato un comunicato nel quale denuncia di aver richiesto nei mesi scorsi al Parlamento francese di espellere gli elementi noti alle forze dell’ordine e schedati a livello “S”, che in Francia indica i soggetti particolarmente radicalizzati.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.