CONDIVIDI
incico

FERRARA – La multinazionale americana General Electric ha affidato alla società di ingegneria ferrarese Incico SpA il contratto per la realizzazione di una centrale a ciclo combinato da 700 MW per la produzione di energia elettrica in Axapusco nello Stato del Messico.

Il contratto è stato firmato il primo di ottobre negli uffici della GE a Baden (Svizzera), dove si trova la Business Unit responsabile degli impianti a gas, alla presenza del presidente ed Ad di INCICO, Ing. Giovanni Monini.

Quella ferrarese è tra le poche società italiane a poter vantare un ordine quadro con General Electric Global che le consente di operare in tutto il mondo per l’azienda leader nella produzione di energia, svilupperà in questo caso il progetto delle opere civili e strutturali della centrale in collaborazione con un partner locale selezionato da Incico stessa.

Un nuovo successo per la ferrarese Incico SpA, che recentemente ha acquisito da Bio-on un importante contratto per lo sviluppo della ingegneria di base e di dettaglio del primo impianto di produzione di PHAs che verrà realizzato a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna. “Si tratta di una nuova importante sfida – spiega Alberto Rizzioli, Direttore Tecnico di Incico Spa – che ci vede nuovamente impegnati in Messico in un momento particolarmente delicato per il Paese, che si trova ancora una volta alle prese con un evento sismico di proporzioni gravissime”.

La Incico, che attualmente è impegnata in numerose iniziative all’estero ed in particolare in Sudafrica ed India, ha completato nel 2015 sempre per conto di GE Baden, una centrale a cogenerazione nella città di Colonia in Germania alimentata a gas ed utilizzata anche come fonte di calore per il teleriscaldamento. Il progetto EVMII in Messico vedrà impegnato per un anno il team di progettisti INCICO mentre per le attività di supervisione in cantiere la società ferrarese si avvarrà di un partner locale.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO