Phineas Gage

Questa è una storia che troviamo in tutti i libri di psicologia. E pure uno dei casi più studiati in neurologia. Il perché è semplice. Quello che è successo a Phineas Gage è un qualcosa che la medicina e la scienza contemporanea non potranno mai dimenticare, soprattutto per quello che ha causato, per certi versi incomprensibile ancora dopo 170 anni.

Eccolo, allora, questo ragazzo dal nome per noi impronunciabile, e che mai avrebbe immaginato che un suo incidente sul lavoro sarebbe stato così “incredibile” e, purtroppo, anche mal raccontato e oggetto di strumentalizzazioni. È un giovane operaio delle ferrovie americane. Il 13 settembre 1848, il dì in cui la sua vita è cambiata per sempre, ha appena 25 anni. Siamo a Cavendish, nel Vermont, stato situato nel nord-est del Paese, e qui, insieme a un gruppo di operai di cui era il caposquadra, sta montando i binari che mettono in comunicazione la città con il resto della linea ferroviaria. C’è da spostare un grosso masso che ostacola i lavori, e decide di farlo esplodere con un esplosivo. Per un errore nel maneggiarlo, però, una sbarra di ferro lunga un metro e pesante sei chili lo trafigge vicino allo zigomo sinistro, attraversa la parte frontale del cranio e fuoriesce dall’alto.

Un infortunio terribile soltanto a raccontarlo, che per decenni è stato oggetto di studi e simulazioni da un numero imprecisato di equipe medico-scientifiche. Il primo impatto è che Phineas sia morto, dopo un colpo del genere. Ma non è così. Incredibilmente. Perde – forse – soltanto i sensi, ma pochi minuti dopo è in piedi, pure cosciente e parla persino con i medici.

Eccola, la prima domanda, allora: possibile che con una barra di ferro che ti entra nel cranio, ti distrugge gran parte del lobo frontale sinistro, ti rende cieco da un occhio, riesci a cavartela? La seconda è questa: se il miracolo avviene, come ti condiziona per il resto della vita?

Qualcosa, però, a questo ragazzotto succede, in effetti. Sopravvive, è vero, ma la sua personalità cambia radicalmente perché diventa intrattabile, irascibile, irriverente e blasfemo. Insomma, irriconoscibile per tutti coloro che gli stavano accanto. Perde il lavoro – ne cambierà tantissimi nei restanti 12 anni di vita che gli sono rimasti dopo quel terribile accaduto, e nel 1850 diventa addirittura un’attrazione in un famoso museo newyorkese, dove tantissima gente accorre per ammirare il suo cervello pulsante.

Dopo la sua morte, in realtà, per l’operaio a stelle a strisce comincia un’altra vita. Tutta nel segno di un solo quesito: cosa gli è successo, effettivamente, quella mattinata di settembre 1848? Sicuramente, come ha provato a spiegare più di qualche studioso, l’equilibrio tra le sue facoltà intellettive e propensioni animali si è distrutto.

Gli studi – molteplici, anche fino a qualche anno fa – sulle condizioni di Phineas Gage hanno apportato grandi cambiamenti nella comprensione clinica e scientifica delle funzioni cerebrali e della loro localizzazione nel cervello, soprattutto per quanto riguarda emozioni e personalità.

Dopo 170 anni, però, quel dubbio è ancora irrisolto, perché ci sarebbero soltanto prove certe dei danni fisici subiti da Phineas, ma non di quelli relativi alle sue facoltà mentali. Per un mistero che continua a essere senza fine.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.