L’Iran ha la grande ambizione di estendere la propria rete di distribuzione dell’energia sotto l’egida della «One belt, one road1» il progetto cinese studiato per aumentare la connettività Regionale.

L’Iran intende espandere le proprie ferrovie, le strade, i porti, e il settore delle telecomunicazioni e della sicurezza energetica. L’Iran ha già costruito un gasdotto al confine con il Pakistan, che ora cerca finanziamenti cinesi per costruire la propria parte di gasdotto, in modo da essere collegato all’Iran. Intanto ha firmato un accordo con la Cina per costruire un oleodotto che partirà dal porto meridionale di Gwadar e arriverà fino a Nawab Shah nel Pakistan sudoccidentale.

Per quanto riguarda il gasdotto, il progetto ha lo scopo di trasferire il gas naturale dal centro energetico iraniano di Assaluyeh fino al Pakistan, che soffre di un deficit paralizzante di energia elettrica a causa di una carenza di combustibile per le centrali che producono energia. La Cina è il partner (quasi) occulto di questo accordo, dato che il suo ruolo è stato svelato solo recentemente.

Iran e Pakistan stanno negoziando da quasi due decenni, ma un accordo finale non è stato possibile raggiungerlo sia per il disaccordo sui prezzi, che per le forti pressioni americani che volevano far fallire il progetto. Tali pressioni sono tra le cause che hanno spinto l’India a ritirarsi. New Delhi, infatti, un tempo partecipava ai negoziati.2

Tutto ciò si aggiunge ai numerosi accordi che legano l’Iran alla Russia e questa alla Cina, senza contare il Pakistan e altri Paesi, tra i quali la stessa India, che ha forti legami economici (diamanti, forniture militari, etc) con la Russia, oltre che con la Cina. Il quadro di un'(Eur)Asia forte e in grado di sfidare le pressioni americane si delinea sempre più.

Anche nel resto del mondo, l’influenza russa (America Latina, Medioriente) e cinese (America Latina, Africa, Europa) si fa sempre più forte. Nel corso del prossimo decennio, probabilmente, il ruolo egemonico statunitense sarà solo un ricordo.

1La Cintura Economica della Nuova Via della Seta e La Cintura Economica della Via Marittima della Seta

2http://www.presstv.ir/Detail/2015/04/25/408042/Iran-China-gas-pipeline-sanctions-trade-nuclear-zarif-kerry-obama-rouhani-Pakistan

Massimiliano Greco

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.