CONDIVIDI

Orrore in un ospedale di Roma, dove un immigrato, dopo aver aggirato i controlli, è entrato in sala parto e ha tentato di violentare una donna in pieno travaglio.

Autore del raccapricciante gesto, è un cittadino somalo di 38 anni che, in un magazzino dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma, ha rubato l’uniforme verde da infermiere e dopo essersi introdotto in sala parto, ha cercato di compiere l’orrendo crimine su una donna di 43 anni.

L’immigrato è stato arrestato dagli agenti del commissariato Esposizione lo scorso il 31 dicembre con l’accusa di violenza sessuale.

Oggi i giudici della quinta sezione penale di Roma hanno convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare in carcere.

L’autore della violenza, in Italia da alcuni anni e con diversi precedenti, è entrato in sala parto mentre la donna era in pieno travaglio per partorire.

Oltre a palpeggiarla, l’immigrato ha iniziato a masturbarsi facendo scattare la reazione della donna che ha iniziato ad urlare, richiamando l’attenzione degli infermieri e di un medico che sono intervenuti prontamente ed hanno allertato le forze dell’ordine.

La difesa del somalo chiederà la perizia psichiatrica. Il processo è fissato per il 10 gennaio.

L’agghiacciante vicenda, emersa solo da qualche ora, sta sollevando polemiche veementi sul web. Nel mirino dei cittadini sono finite soprattutto la sicurezza dei nosocomi e le condotte degli immigrati.

Dalle statistiche presentate dal Viminale sugli stupri denunciati nei primi sette mesi del 2017, finite al centro di un polverone, era emerso che le violenze commesse dagli immigrati in proporzione sono quattro volte maggiori di quelle degli italiani.

Gli italiani denunciati nei primi sette mesi dell’anno scorso, sono stati 1.534, mentre gli stranieri segnalati 904. Considerando la popolazione residente in Italia al primo gennaio 2017 (55,5 milioni di italiani a fronte di poco più di 5 milioni di stranieri), viene fuori che gli immigrati si sono macchiati del 37% degli stupri pur rappresentando meno di un dodicesimo della popolazione.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here