Il ministero dell’Interno ha reso noti i numeri del potenziamento degli organici delle forze dell’ordine promesso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. Complessivamente entreranno in servizio 8.793 donne e uomini in divisa entro il 2023. In particolare, il piano prevede: 2.988 poliziotti (di questi: 2.094 unità sono destinate alle questure, 539 alle specialità, 149 alle frontiere, i restanti saranno utilizzati in altri compiti d’istituto); 483 agenti entro luglio 2019, 654 entro fine 2019, 1.851 entro aprile 2020.

E poi i prossimi concorsi: 1.515 agenti di Polizia entro dicembre 2019; 2.155 Carabinieri, per i quali è stata già autorizzata l’assunzione; 2.135 unità con concorsi da bandire entro il 2023.
La destinazione delle risorse avverrà sulla base del piano di riorganizzazione delle questure e delle necessità dei comandi sul territorio. I presìdi di polizia avranno a disposizione complessivamente 4.503 agenti entro fine 2020. Il piano di potenziamento degli uffici di polizia è stato presentato qualche giorno fa alle organizzazioni sindacali alla presenza del sottosegretario Nicola Molteni.

“Stiamo passando dalle parole ai fatti. Sono particolarmente soddisfatto di aver scongiurato la chiusura delle cosiddette specialità come la Polizia Postale. Non solo non verranno tagliate, ma con le nuove assunzioni riapriremo gli uffici a Varese, Prato, Livorno, Cremona e Ragusa”. Queste le parole pronunciate dal sottosegretario all’Interno Nicola Molteni durante l’incontro con le organizzazioni sindacali della polizia.

Il rafforzamento delle presenze sul territorio inizierà, comunque, dal prossimo luglio. Per la stagione estiva sono stati previsti appositi servizi con particolare attenzione alle località turistiche. Gli organici saranno potenziati con l’invio di 4.298 unità appartenenti a Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza. Le nuove forze serviranno a far fronte, tra l’altro, ad iniziative specifiche come Spiagge sicure, Periferie sicure, Laghi sicuri, per citarne alcune. Progetti che il Viminale ha finanziato e che permetteranno ai comuni di assumere personale e acquistare strumenti per la lotta alla contraffazione e il contrasto alla micro criminalità.

“Migliaia di nuovi poliziotti e carabinieri in tutta Italia: l’avevamo promesso e lo stiamo facendo – dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini -. Rafforziamo le questure, salviamo le specialità di Polizia come Postale, Stradale e Ferroviaria e abbiamo un piano di controlli straordinari in vista dei prossimi mesi, con il concorso di tutte le Forze dell’ordine. Faremo sempre di più e meglio, ma dopo anni di tagli e sacrifici invertiamo la tendenza e passiamo dalle parole ai fatti. Meno soldi per l’accoglienza dei clandestini, più Forze dell’ordine”.

 

 

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.