L’India spera di ampliare l’impegno con la Siria in settori chiave della lotta al terrorismo, tra cui la creazione di un meccanismo di condivisione delle informazioni, per contrastare la minaccia posta dall’ISIS. Si cercherà di approfittare della visita in India  del Vice Primo Ministro nonché Ministro degli Esteri Walid Al Moualem, cominciata ieri.

I colloqui sono anche suscettibili di concentrarsi sulle misure per migliorare i rapporti commerciali ed energetici, dati i significativi investimenti dell’India nel settore petrolifero in Siria.

La visita di Al Moualem arriva in un momento in cui i colloqui promossi da Stati Uniti e Russia per risolvere cinque anni di conflitto in Siria hanno preso lo slancio. Si tratta della prima visita in India da parte di un alto leader siriano da quando, nel 2010, è cominciata la guerra civile.

Delhi non ha giocato alcun ruolo di mediatore nella crisi, ma in quanto forte sostenitrice di una soluzione interna siriana alla fine del conflitto, è desiderosa di trarre vantaggio quando la normalità sarà tornata nel paese.

La Siria ha molto apprezzato il sostegno costante dell’India al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite da quando è scoppiata la crisi. Nel 2013, due volte Delhi ha ospitato il consigliere presidenziale siriano Bouthaina Shaaban per un ragguaglio sulla crisi.

Il continuo dialogo politico, la situazione in Siria, in Iraq e nel Vicino Oriente, saranno posti in primo piano durante l’incontro. Un’espansione dei legami bilaterali, in particolare nel settore della sicurezza e della lotta al terrorismo, è stata resa necessaria dalla crescita e dalle minacce poste dall’ISIS, che ha il suo quartier generale a Al Raqqah in Siria, tenendo presente che numerosi indiani sono giunti in Siria per unirsi ai terroristi.
Numerosi gli interessi economici in ballo, sopratutto nel settore degli idrocarburi.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome