V85 moto guzzi

Sempre più determinata nello sfidare la concorrenza tedesca e giapponese anche in quelli che sono i suoi punti di forza, la Moto Guzzi ha recentemente presentato all’EICMA di Milano una nuovo moto della cosiddetta categoria “crossover”, la V85.

Con la nuova moto debutta anche l’inedito bicilindrico a V di 850 cc e 80 cavalli di potenza, che riscatta la Casa mandelliana da un ventennio abbondante di motori talvolta non sempre potenti quanto quelli altrui. Si tratta di un’unità che mantiene il raffreddamento ad aria e che andrà progressivamente ad equipaggiare anche altri modelli futuri.

Con la nuova V85, inoltre, la Moto Guzzi torna a dotarsi di una grossa enduro, benché idonea anche ad altri impieghi, dopo la scomparsa momentanea della Stelvio, che in ogni caso era di maggiori dimensioni e cubatura. Il suo design, però, è di maggior rottura, secondo i canoni del “modern-classic” oggi tanto di moda.

Si rinnova così, con molta originalità e persino anticonformismo, la tradizione di casa Guzzi relativa alle enduro e derivate, iniziata negli Anni ’80 con le TT e NTX basate sui bicilindrici della serie piccola e succesasivamente allargatasi con la bella ma poco compresa Quota, basata sul serie grossa, e poi proseguita con la potente Stelvio di 1200 cc per la quale è comunque previsto a breve il ritorno: giusto il tempo che sia pronto il nuovo grosso bicilindrico con raffreddamento misto.

 

Avatar
Nato a Pisa nel 1983. Direttore Editoriale de l'Opinione Pubblica. Esperto di politica internazionale e autore di numerosi saggi.