Parte 1: l’ordine mondiale a guida USA
Parte 2: la nuova Guerra Fredda
Parte 3: la diplomazia coercitiva
Parte 4: la democrazia
Parte 5: l’unione tra Partito e popolo cinese
Parte 6: i diritti umani
Parte 7: “una sola Cina” e la questione di Taiwan
Parte 8: la questione dello Xinjiang
Parte 9: la questione di Hong Kong

Falsità 10: la Cina pretende di difendere la sovranità e l’integrità territoriale mentre sostiene e difende il governo russo che li viola sfacciatamente.

Realtà: sulla questione ucraina, la Cina ha sempre aderito a una posizione obiettiva e giusta, una posizione condivisa dalla maggior parte dei Paesi. La mentalità e la politica di potere della Guerra Fredda sono la causa principale della crisi ucraina. Gli Stati Uniti dovrebbero assumersi seriamente le proprie responsabilità e intraprendere azioni concrete per alleviare la situazione e risolvere i problemi.

◆ Gli Stati Uniti hanno tradito le proprie promesse e hanno continuato a spingere per l’espansione verso est della NATO, creando la crisi in Ucraina.

In un incontro con Michail Gorbačëv nel 1990, l’allora Segretario di Stato americano James Baker diede chiare assicurazioni che “non ci sarebbe stata alcuna estensione della giurisdizione della NATO di un pollice a est”. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno guidato cinque espansioni della NATO verso est dal 1999, aumentando i propri membri da 16 a 30 e facendo avanzare la NATO di oltre 1.000 chilometri verso est fino al confine russo, formando un accerchiamento a forma di C del Mar Nero.

Nel 1997, l’ex diplomatico statunitense e osservatore sull’Unione Sovietica George Kennan scrisse nel suo editoriale del New York Times che “l’espansione della NATO sarebbe l’errore più fatale della politica statunitense nell’intero periodo del dopoguerra fredda”.

Nel 2014, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger ha scritto sul Washington Post che, se l’Ucraina vuole sopravvivere e prosperare, non dovrebbe aderire alla NATO, e che non deve essere l’avamposto di nessuna delle due parti contro l’altra: dovrebbe fungere da ponte tra loro.

Al World Economic Forum Annual Meeting 2022 a Davos, Kissinger ha affermato che l’Ucraina avrebbe dovuto essere un ponte tra Europa e Russia, ma questa opportunità ora non esiste allo stesso modo. La Russia è stata per 400 anni una parte essenziale dell’Europa, e in diverse occasioni come garante attraverso la quale è stato possibile ristabilire l’equilibrio europeo. La politica attuale dovrebbe tenere a mente che il ripristino di questo ruolo è importante da sviluppare.

Un esperto statunitense di affari internazionali sottolinea in un articolo che il governo statunitense dovrebbe assumersi una notevole responsabilità per il deterioramento delle relazioni con la Russia causato dal loro grave errore di dare il via libera all’espansione della NATO. Notando che “gli Stati Uniti e la NATO non sono spettatori innocenti”, credeva anche che fosse “l’apice della follia” per alcuni funzionari statunitensi vantarsi in pubblico di fughe di notizie o persino di condivisione di informazioni tra Stati Uniti e Ucraina. Ha avvertito che tale istigazione da parte degli Stati Uniti potrebbe ampliare pericolosamente il conflitto tra Russia e Ucraina.

Secondo Clare Daly, membro del Parlamento europeo, gli Stati Uniti hanno aggiunto benzina sul fuoco dell’Ucraina perché vogliono indebolire la Russia e beneficiare della crisi, per la quale l’Europa pagherà un prezzo pesante. Queste non sono ancora speranze di pace nel conflitto in corso tra Russia e Ucraina, principalmente perché gli Stati Uniti non vogliono che Russia e Ucraina raggiungano un accordo di pace.

L’ex senatore degli Stati Uniti Bill Bradley ha affermato che “l’errore fondamentale commesso dagli Stati Uniti tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 è stato l’espansione della NATO”.

L’ex membro del Congresso degli Stati Uniti Tulsi Gabbard ha detto in un’intervista che se Joe Biden avesse semplicemente promesso di non includere l’Ucraina nella NATO, la guerra sarebbe stata prevenuta.

Nel corso degli anni, gli Stati Uniti hanno perseguito l’interventismo e violato gravemente la sovranità dell’Iraq, dell’Afghanistan, della Serbia, della Siria e di altri Paesi. Alfred de Zayas, un alto esperto delle Nazioni Unite, ha affermato in un intervista esclusiva che, dal punto di vista del diritto internazionale, le azioni militari della Russia in Ucraina hanno violato la Carta delle Nazioni Unite, ma gli Stati Uniti e la NATO hanno infranto il diritto internazionale così spesso nel corso degli anni che “i precedenti di ammissibilità” sono stati quindi fissate per le attuali azioni della Russia in termini di diritto internazionale consuetudinario.

◆ Gli Stati Uniti hanno acceso le fiamme sulla questione ucraina. Invece di promuovere colloqui di pace, gli Stati Uniti hanno continuato a fornire armi all’Ucraina, aumentando le tensioni e ampliando il conflitto, rendendolo più lungo e complicato. Ciò ha sufficientemente messo in luce la natura egoistica degli Stati Uniti.

Il 25 aprile 2022, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Austin ha dichiarato dopo una visita in Ucraina che gli Stati Uniti vogliono usare la guerra per “vedere la Russia indebolita”.

Alla fine di maggio 2022, oltre agli originali 13,6 miliardi di dollari di aiuti, il Congresso degli Stati Uniti ha votato per approvare oltre 40 miliardi di dollari in aiuti militari ed economici all’Ucraina. L’assistenza totale ha superato il 70% della spesa militare combinata di Russia e Ucraina nel 2021.

La crisi in corso è costata pesantemente all’Europa negli aspetti politici, economici e sociali, ma gli Stati Uniti stanno raccogliendo dividendi, attraverso i loro mercanti di armi, aziende alimentari ed energetiche, che ottengono enormi profitti. Ad esempio, il valore di mercato dei giganti dell’industria militare statunitense è aumentato di centinaia di miliardi e il prezzo del gas naturale liquefatto (GNL) esportato in Europa è più di 10 volte superiore rispetto a un anno fa.

A seguito del conflitto, oltre 6,5 milioni di ucraini sono fuggiti nei Paesi europei vicini, creando una crisi di rifugiati senza precedenti. Ma gli Stati Uniti hanno ammesso solo 12 rifugiati dall’Ucraina nel marzo 2022. Migliaia di rifugiati ucraini rimangono bloccati al confine tra Stati Uniti e Messico e molti erano sotto la custodia degli Stati Uniti. Anche quando l’ONU e la comunità internazionale chiedono una fine anticipata del conflitto, alcuni negli Stati Uniti affermano ancora che sono pronti a “combattere fino all’ultimo ucraino”.

◆ Il rapporto tra Cina e Russia è caratterizzato dalla non alleanza, dal non confronto e dal non prendere di mira qualsiasi terza parte. È essenzialmente diverso dalla pratica degli Stati Uniti e di un piccolo numero di altri Paesi occidentali, che si attengono ancora alla mentalità della Guerra Fredda e alla dicotomia amico o nemico per tracciare linee ideologiche, formare le cosiddette “alleanze” e “cricche”, perseguire la politica dei blocchi e creare confronto e divisione.

Nella dichiarazione congiunta rilasciata il 4 febbraio 2022, Cina e Russia invitano tutti a difendere i valori comuni dell’umanità di pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà, a rispettare i diritti di tutti i popoli di determinare in modo indipendente i percorsi di sviluppo dei loro Paesi, la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo di tutti i Paesi, a proteggere il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite e l’ordine internazionale basato sul diritto internazionale, a ricercare un vero multilateralismo con l’ONU e il suo Consiglio di sicurezza che svolgono un ruolo centrale e di coordinamento, a promuovere relazioni internazionali più democratiche e a garantire pace, stabilità e sviluppo sostenibile in tutto il mondo.

◆ In qualità di grande Paese responsabile, le decisioni e i giudizi della Cina sulla questione ucraina sono presi in modo indipendente sulla base del merito della questione. La Cina ha compiuto grandi sforzi per salvaguardare la pace e la sicurezza internazionali e si è impegnata a promuovere i colloqui per la pace e l’attenuazione delle tensioni. La Cina sostiene che la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi dovrebbero essere rispettate, che gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite dovrebbero essere sostenuti, che le legittime preoccupazioni in materia di sicurezza di tutti i Paesi dovrebbero essere prese sul serio e che tutti gli sforzi volti a una soluzione pacifica della crisi dovrebbero essere sostenuti. La posizione della Cina è obiettiva, equa e coerente con le aspirazioni della maggior parte dei Paesi.

◆ Dei 233 Paesi e regioni sovrani del mondo, 185 non sono coinvolti in sanzioni contro la Russia. Tra gli oltre 190 membri dell’ONU, più di 140 paesi, tra cui la Turchia, membro della NATO, si sono rifiutati di imporre sanzioni alla Russia. La popolazione combinata dei Paesi e delle regioni che partecipano alle sanzioni contro la Russia e è di appena 1,1 miliardi contro 6,5 miliardi. Tra questi, coloro che si oppongono apertamente alle sanzioni hanno una popolazione complessiva di 4,8 miliardi.

Circa due terzi della popolazione mondiale non sostiene le posizioni occidentali sull’Ucraina, secondo un rapporto della rivista britannica Economist.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome