Nell’aprile del 2013 la squadra di Portsmouth diventa di proprietà dei tifosi, attraverso il Pompey Supporters’ Trust. Attualmente la squadra che fu, tra gli altri, di uno dei miei idoli, Nwankwo Kanu, grazie alla proprietà dei tifosi sotto forma di azionariato popolare, milita nella League Two, la quarta serie dei campionati inglesi. È questa la storia di apertura di Football is coming home, libro scritto da Luca Manes per Bradipo Libri. “È nostro!” è il titolo di questo primo capitolo di questo libro che racconta il calcio della patria del calcio, l’Inghilterra. Attraverso le città e le squadre di riferimento, Manes viaggia tra le mille sfaccettature del calcio inglese. L’autore è un grande appasionato del football albionico e alla sua sesta pubblicazione per Bradipo non nasconde la sua enorme competenza che si trascina nei successivi undici capitoli, più uno su George Best.

Gli stadi, gli aneddoti, le storie, i campioni, i trofei sono raccontati attraverso un viaggio, tra la nostalgia e la cruda realtà, ben lontana da quella mitologica “terra dell’Eden calcistica” che qualcuno tende a dipingere.

Manchester, Ispwich, Nottingham, Wolverhampton sono alcune delle tappe di questo diario di viaggio. Il  mitico Forest di Clough, lo United di Busby, Cantona, Best e Ferguson sono alcuni degli “appunti” citati nel volume.

Un libro scritto per i tifosi, come riportato in quarta di copertina, “per tutti i veri appasionati che contribuscono ancora a rendere i 90 minuti di una partita un’esperienza unica e impareggiabile”.

Football is coming home
Appunti di viaggio nella patria del calcio
di Luca Manes
Bradipo Libri, 2016
159 pag, 14 euro
Per acquistare il libro contattare la casa editrice: Bradipo Libri

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome