Coronavirus Eritrea

Secondo i dati forniti dallo stesso Ministero della Salute di Asmara in Eritrea, ad oggi e dall’inizio dell’emergenza Coronavirus nel mondo, sono stati registrati solo 39 casi, e ci sono già i primi guariti. E’ un fatto di per sé quasi straordinario, se non proprio straordinario levando il “quasi”, dato che nel resto del Continente Africano al contrario si profila già da tempo una situazione a dir poco allarmante. Il paese, come anche altri autori della materia hanno scritto ancor più minutamente e frequentemente, ha infatti elaborato fin dal principio stringenti norme di controllo e di precauzione che a quanto pare a qualcosa sono effettivamente servite.

L’Eritrea è un paese a noi molto vicino, storicamente e culturalmente, che sa razionalizzare e valorizzare al meglio le sue risorse, non sempre abbondanti. In neanche trent’anni d’indipendenza ha fatti passi in avanti mostruosi, letteralmente incredibili, al contempo affrontando sfide ed attacchi di tutti i generi e d’una portata normalmente ben al di sopra di quella che un piccolo paese sovrano, appena uscito dalla culla, potrebbe solitamente pensare di poter vincere. Però c’è riuscito, ed ha vinto contro la guerriglia dei fondamentalisti di al Qaeda nel 1993, contro l’attacco dell’esercito etiopico ovvero del più potente di tutta l’Africa nel 1998-2000, e poi ha potenziato l’agricoltura, rimesso in esercizio ferrovie e realizzato nuove strade, garantito l’istruzione e la sanità gratuita alla popolazione, ecc. Il tutto, come ben sappiamo, senza indebitarsi col Fondo Monetario o con altre realtà ad esso consimili, secondo il principio per cui se si vuol essere autonomi lo si dev’essere anche nel proprio sviluppo, anche a costo di tirare un po’ la cinghia.

Immagine di MediaComunitàEritrea.it

Non stupisce che, dinanzi a questa nuova e dolorosa prova costituita dal Coronavirus, il paese sia stato capace di dimostrarsi nuovamente all’altezza e d’affrontare il problema a testa bassa ma senza perdere il senso della logica, come da sua tradizione. Ci limitiamo semplicemente a riportare tutti questi dati, e se vogliamo anche a fare un po’ di “storia spicciola”, perché sono cose che non vediamo mai nei nostri giornali, dove invece anche fino a pochissimo tempo fa era facilissimo imbattersi con una certa frequenza in articoli di ben altro tono, a dir poco denigratori nei confronti del governo di quel paese o della sua storia, e funzionali magari a sostenere le ragioni e le attività dei negrieri e dei trafficanti delle varie ONG che in Italia si fanno la villa e “le budella d’oro” piazzando schiavi su schiavi ed esseri umani su esseri umani in nome d’una tanto sbandierata “accoglienza”. Peraltro, nessuno di costoro risultar aver donato il sangue o fatto donazioni economiche sia per il proprio paese che per il nostro, mentre l’hanno subito fatto i membri della Comunità Eritrea in Italia, a cui è quindi doveroso da parte di noi cittadini italiani rivolgere il nostro più sincero ringraziamento. A Roma i membri della Comunità Eritrea hanno donato il sangue per i malati di Covid-19, ed altre donazioni di sangue vi saranno anche a Milano il 28 e 29 p.v. Inoltre, al pari delle altre Comunità della “Diaspora”, sparse in tutto il mondo, anche quella italiana ha raccolto grandi fondi per dare sostegno all’Eritrea, oltre a sottoscrizioni pure per il nostro paese: questo solo per quanto riguarda l’Italia. E’ un’importante testimonianza di spirito di comunità e d’appartenenza, che davvero merita la più sincera ammirazione.

Quando si parla di lotta ad una grave malattia od emergenza, gli esempi nel mondo sono tutti validi: anche quelli di coloro che siamo soliti guardare dall’alto al basso, senza che nemmeno se ne capisca poi il perché, fra l’altro. Ecco perché anche l’esempio brillante e degno di massimo rispetto che ci viene offerto dall’Eritrea non fa alcuna eccezione.

Immagine di MediaComunitàEritrea.it

3 COMMENTI

  1. Grazie ai veri amici della npstra amata patria ed ilsuo popolo, noi abbiamo lottato per anni per diffendere la verita’ volutamente nascosta dai mezzi di disinformazione e vinto anche grazie al vostro contributo. Siamo ben consapevoli che il vostro impegno per diffendere la verita’ a differenza dei mezzi di denigrazione catto-comunisti vi sara’ coststo molto, perche’ chi diffonde menzogne e’ ben pagato dalle multinazionali voi invece malgrado le tante sfide avete scelto di stare dalla parte della verita’ senza se senza ma. Grazie ancora per essere npstri amici.

  2. Complimenti per l’ articolo. Conosco l’ Eritrea, il suo popolo, gli usi ed i costumi. Sono molto rammaricato per quanto fango continua a gettare la stampa vaticanista su questa Terra ed il Suo Popolo.
    Auguri al Presidente Isayas!
    Cordialità a Voi.

  3. Grazie per averci illustrato chiaramente l’ impegno che ha preso il governo eritreo per combattere il covid-19.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome