Fiamme si alzano dal resort di Bamako dove è avvenuto l'attacco jihadista.

Al grido di “Allah Akhbar” un gruppo di terroristi a Bamako, capitale del Mali, ha attaccato un resort e preso in ostaggio alcuni turisti occidentali. Secondo i media africani, al momento il bilancio sarebbe di due vittime. Le forze speciali maliane sarebbero comunque riuscite a liberare i trentadue ostaggi che si trovavano all’interno della struttura.

Al momento non risulta ancora che vi siano italiani fra i turisti coinvolti nel rocambolesco sequestro messo in atto dai jihadisti, sulla cui natura ed appartenenza peraltro continuano ancora ad esservi dubbi: più che dell’ISIS, infatti, potrebbero essere appartenenti ad Al Qaeda, che nel paese è molto attiva e che ha collaborato alla secessione del nord del paese di tre anni fa. La Farnesina è comunque al lavoro insieme alle autorità maliane per individuare eventuali presenze italiane nel paese.

Il ministro della sicurezza nazionale, Salif Traore, ha dichiarato che “E’ un attacco jihadista” e che “le forze speciale maliane sono intervenute… Purtroppo per il momento ci sono due morti, incluso un cittadino franco-gabonese”.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome