Maria Zakharova

“L’amministrazione uscente è un gruppo di falliti in politica estera, arrabbiati e poco intelligenti, che hanno dato una svolta distruttrice al prestigio e alla leadership degli Stati Uniti” ha affermato Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo,  in risposta all’ennesima provocazione da parte di Obama, vale a dire l’espulsione di 35 diplomatici russi e la chiusura di due compound russi.
“L’America e il popolo statunitense sono stati umiliati dal loro presidente, non da truppe nemiche. Questa volta lo schiaffo a Washington lo ha dato proprio il suo presidente.”

AGGIORNAMENTO DELLE 13:45: Putin annuncia di aver bloccato il provvedimento con cui si sarebbero dovuti espellere 35 diplomatici americani, come ritorsione per l’analoga misura presa da Obama.

“Dovremo rispondere alle misure americane, e lo faremo, ma non ci abbasseremo a questo livello da bettola la nostra diplomazia.”

Tutto questo è avvenuto perché, a dire del presidente uscente Obama, i russi avrebbero “hackerato” i server di posta sia della Clinton che del Partito Democratico, rivelando così le manovre con cui la ex first lady è riuscita a falsare le primarie del proprio partito, facendo fuori Bernie Sanders.

Lavrov, il Ministro degli Esteri, ha promesso che il gesto di Obama avrebbe avuto delle conseguenze, e infatti la Russia ha reagito espellendo 35 diplomatici americani e bloccando l’accesso alla residenza per le vacanze dell’ambasciatore americano a Mosca.

Il piano di Obama, probabilmente, è quello di “avvelenare i pozzi” in modo tale che Trump non possa mai riparare le relazioni con Mosca, senza compiere dei passi che gli metterebbero contro l’ala russofoba del Partito Repubblicano, oltre ai media, quasi tutti controllati dal Partito Democratico.

Massimiliano Greco

UN COMMENTO

  1. Quel che sta facendo la Russia fa talmente schifo che nemmeno l’Unione Sovietica era riuscita in altrettanta impresa. Almeno era una dittatura conclamata. Non c’è niente di più sozzo che una dittatura (dei soldi) che si veste di democrazia.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome