Erchim

Con il “derby” di Ulaanbaatar, tra UB FC e UB City, parte oggi il campionato mongolo. “Derby” tra virgolette, perchè se convenzionalmente è da due anni così, in realtà ben otto squadre su dieci hanno sede nella capitale.

Tutte partono dietro ai decacampioni dell’Erchim, che per non perdere l’abitudine è ripartita da dove si era fermata, vincendo, anzi, stravincendo la Supercoppa, con un netto 5-1 ai danni del Khangarid. Non tragga in inganno il risultato, però, visto che i campioni in carica hanno sulle gambe almeno un mese di preparazione in più rispetto agli avversari dovendo preparare il gironcino “Est” dell’AFC Cup, che fino ad ora ha dato poche gioie, con due sconfitte su due contro le due avversarie nordcoreane 25 Aprile e Kigwancha (dovrà mettere mano l’AFC su questo torneo…).

Partiti i due serbi, Đuričić e Perišić (direzione Ulaanbaatar FC per quest’ultimo), l’Erchim ha piazzato un paio di colpi niente male, puntando anzitutto sulla riconferma del capocannoniere Shuta Ishino. A centrocampo spazio all’altro giapponese Reo Nakamura, un cagnaccio di centrocampo che ha già mostrato molto nella sfida contro il Kiwgancha in coppa, non sfigurando davanti ai più quotati “ferrovieri” nordcoreani. In attacco spazio al francesino Nicolas Vandelli,  una carriera da giramondo tra Australia, Laos, Filippine e Maldive. A dare solidità alla difesa è arrivato il georgiano Zvyad Tsikolia (ex Mertskhali Ozurgeti) e a centrocampo l’americano Max Lubin, un’incognita.

Confermata l’ossatura mongola, nella quale spiccano i nazionali Tuguldur Galt, Munkh-Erdene Tuguldur e Soyol-Erdene Gal-Erdene.

In un campionato dove il mercato interno è ancora ancorato a logiche “semidilettantistiche” con pochi trasferimenti, pescare il “legionario” giusto può essere un valore aggiunto fondamentale in vista della vittoria finale.

L’ex Milos Perišić però segnala un potenziale rischio per i campioni in carica: “sono un’ottima squadra, ma l’anno scorso avevamo un gioco più orchestrale, quest’anno punteranno a far arrivare velocemente la palla ad Ishino con lanci lunghi, hanno cambiato schemi”. Per il capitano del SelengePress, Murun Altankhuyag, l’Erchim avrà una grande partenza “perchè sono già avanti di preparazione e hanno giocato già grandi match”.

Dietro all’Erchim mettiamo l’Ulaanbaatar City, una realtà da tenere d’occhio. Innanzitutto c’è il progetto del nuovo stadio, che sarà disponibile a breve. Poi il valore aggiunto siede in panchina, ed è il coach spagnolo Manuel Ratamero. “Siamo assieme all’Erchim la squadra meglio organizzata sia a livello societario che tattico”, ci racconta il portiere, l’italiano Mauro Boerchio: “l’obbiettivo è la conquista del titolo del campionato che ci permetterà poi l’accesso all’AFC Cup”. Oltre a Boerchio, come abbiamo già avuto modo di raccontarvi, c’è un nostro connazionale anche a guidare l’attacco dei “cityzens”: Federico Zini.

L’UB City, oltre a confermare i due russi Islam Hamhoev e Artyom Drobyshev, è quella che meglio ha pescato nel mercato dei calciatori mongoli, come Tsedenbal Norjmoo (dal Selengepress) e Oyunbaatar Otgonbayar (dal Khoromkhon).

Dall’altra parte di Ulanbaatar, nei biancorossi dell’Ulanbaatar FC, la situazione è meno serena. Nella squadra che storicamente è la variabile impazzita del campionato mongolo, grandi stagioni e grandi cadute, i veterani Perišić e Akil Pompey (difensore di Trinidad, ex Khoromkhon) in campo e Jan Fukuda in panchina, guideranno una squadra di giovanissimi, con poca esperienza. “siamo una squadra molto giovane, abbiamo bisogno di supporto, visto che in molti sono all’esordio nel massimo campionato” ci spiega Perišić, quattro volte campione con la maglia dell’Erchim, dal 2012 in Mongolia.

Khoromkhon, Khangarid (l’unica squadra di Erdenet), Deren (l’altra “esule” da Ulanbaatar) e Selengepress partono in seconda fila, dietro le due favorite. In particolare il Deren, grande progetto di crescita di giovani portato avanti dal serbo Vojkan Bralusic e dall’ex capitano della nazionale Bysalgalan Garidmagnai, può stupire. Ryan Fante e il giapponese Keita Tanabe saranno le colonne offensive, il serbo Milos Rnic, ex Lokomotiva Belgrado, il portiere. Oltre agli stranieri una pattuglia di giovanissimi con un’eta media di poco più di 19 anni, dei quali i più “esperti” saranno oltre al già citato Garidmagnai, trentenne, il secondo di Rnic, Batmagnai, 26 anni, Chinzorig, 29 anni, e Tumur-Ochir, 26 anni: una pedina per reparto.

“Magic Wizard” Taku Hishida sarà la variabile impazzita del Selengepress di capitan Murun, il primo professionista della storia del calcio mongolo, che ci racconta: «sono arrivati molti buoni giocatori e il nostro obiettivo è vincere il campionato, ma dobbiamo superare alcuni problemi».

Menzione anche per gli “universitari” Ulaanbaataryn Unaganuud, una delle squadre più regolari del campionato.

A chiudere la lega le due neopromosse: Athletic 220 e Goyo, la squadra nata nel 2016 che si presenta ai nastri di partenza con in campo l’esperienza di Lumbengarav Donorov, quarantenne leggenda del calcio locale. L’obiettivo per entrambe è la permanenza nella massima serie.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.