Nel corso del passato week-end, ricevendo ad Hanoi il Direttore Generale della compagnia energetica russa Zarubezneft, il Premier vietnamita Tan Dung ha promesso “ogni possibile supporto” alla cooperazione tra i due paesi nel campo degli idrocarburi; l’ospite, Sergei Kudryashov, ha apprezzato la dichiarazione, che avrà il primo banco di prova nell’espansione delle operazioni dei pozzi della regione autonoma di Nhenhexky, che dovrebbero arrivare a raddoppiare il loro gettito.

Dal 2010 ad oggi Nhenhexky ha prodotto circa 9 milioni di tonnellate di greggio, generando 6 miliardi di dollari di ricavi e 1 miliardo di guadagni netti, grazie alle attvità della joint-venture “RusVietPetro” (erede della VietSovPetro dei tempi dell’URSS) che venne fondata nel 2008 con la partecipazione al 51 per cento di Zarubezneft e per il restante 49 di Petrovietnam.

Joint-venture russo-vietnamite saranno al centro anche di ulteriori iniziative basate sulla ricognizione e l’esplorazione per individuare giacimenti di gas naturale al largo delle coste vietnamite, un progetto riguardo al quale il Primo Ministro Tan Dung ha espresso la propria intenzione di firmare al più presto un accordo bilaterale. Il Premier vietnamita ha anche ringraziato personalmente Vladmir Putin e Dmitri Medvedev per aver concesso consistenti sconti e bonus fiscali per le operazioni di RusVietPetro.

La cooperazione energetica tra Russia e Vietnam, tuttavia, non si esaurisce al pur strategico settore degli idrocarburi; proprio quest’estate, a fine luglio, sono stati siglati i protocolli per la creazione, con tecnologia, manodopera e know-how russo, di una centrale nucleare a Ninh Thuan, che dovrebbe essere basata attorno a due reattori da 1200 MW ciascuno.

Paolo Marcenaro

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome