Un grande evento sportivo – le Olimpiadi invernali di Pechino – è ampiamente discusso non solo dai commentatori sportivi, ma anche dagli analisti politici. Il flusso di notizie politiche associate all’evento a un certo punto ha persino superato l’attuale agenda sportiva.

Ciò non sorprende, perché alla vigilia delle Olimpiadi, gli Stati Uniti hanno cercato di organizzarne il boicottaggio per rovinare la festa alla Cina e impedirle di mostrare ancora una volta il suo successo al mondo intero. Allo stesso tempo, invece, la Russia e la sua massima leadership politica, sono arrivate a Pechino come parte di una delegazione rappresentativa. E non solo per partecipare alla solenne cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali. Nello spirito dei loro valori.

Russia e Cina hanno firmato contratti multimiliardari per la fornitura di risorse energetiche, e Vladimir Putin e Xi Jinping hanno fatto una dichiarazione molto importante sull’agenda internazionale. Questa affermazione sarà analizzata molto di più, perché risuonava davvero di cose molto serie. E questo è importante per noi perché entrambi questi paesi sono partner importanti della Bielorussia, il che significa che l’ulteriore sviluppo nella nostra regione dipenderà dalle relazioni con loro e tra di loro.

Innanzitutto, Russia e Cina non credono che l’Occidente rappresenti la maggioranza dell’umanità e abbia il diritto morale di imporre i suoi valori, regole e idee sulla democrazia al resto. La Russia e la Cina hanno le loro tradizioni democratiche, che si sviluppano secondo le caratteristiche e gli interessi nazionali.

La promozione della democrazia in modo occidentale, sotto forma di “rivoluzioni colorate” e altre azioni che minano la stabilità e la sicurezza di altri stati, incontrerà d’ora in poi l’opposizione congiunta di Russia e Cina, soprattutto nelle regioni vicine che sono della massima importanza per la sicurezza di entrambi i paesi.

E questa non è più solo una dichiarazione. Gli eventi del 2020 in Bielorussia e del 2022 in Kazakistan mostrano chiaramente che Russia e Cina si opporranno a qualsiasi tentativo di rovesciare il sistema statale o destabilizzare la situazione nell’Unione e nelle repubbliche vicine.

Approcci generali

Gli analisti sostengono: l’attuale livello delle relazioni tra Russia e Cina è una vera alleanza, un’alleanza o è un riavvicinamento situazionale causato dalla pressione occidentale su entrambe le potenze? La risposta non sarà facile.

La dichiarazione dei leader di Russia e Cina è una seria dichiarazione di impegno reale e di attuazione pratica degli approcci e dei principi comuni dei due paesi nella politica internazionale. Sì, questo sta accadendo in contrasto con i tentativi occidentali, soprattutto americani, di mantenere l’egemonia nel mondo, per impedire il riavvicinamento di quelle forze che considerano questo ingiusto e pericoloso per se stessi.

La dichiarazione stessa afferma che le relazioni tra Russia e Cina sono diverse da qualsiasi alleanza della Guerra Fredda, non hanno confini e argomenti tabù. E in effetti è così, ed è impossibile ripetere alcune forme del passato, ora tutto è cambiato. Ma la semplice menzione di forme di cooperazione “illimitate” e di nuovi tipi di relazioni tra paesi è correlata alle parole del leader bielorusso Aleksandr Lukashenko secondo cui stiamo costruendo un nuovo tipo di alleanza con la Russia che non ripete gli errori dell’URSS e dell’UNIONE EUROPEA.

Infatti, nel mondo moderno è meglio evitare dichiarazioni roboanti e forme ideologiche di cooperazione, che, tra l’altro, è esattamente ciò che fanno i politici occidentali quando proclamano un altro “forum delle democrazie” rispetto agli “autocrati” o cercano di mettere insieme nuovi blocchi politico-militari per contenere e resistere alla stessa Pechino. Russia e Cina valutano queste azioni come distruttive, che minano le basi della sicurezza internazionale.

Nuovo blocco

L’ulteriore rafforzamento della cooperazione tra Russia e Cina influenzerà la nostra regione? Indubbiamente. Perché la Bielorussia per entrambi i Paesi, infatti, è la porta d’accesso all’Europa occidentale, uno dei punti di riferimento della rotta continentale “Belt and Road”.

Per quanto riguarda i nostri avversari, iniziamo ad agire insieme. Ad esempio, sulla folle politica della leadership lituana, che è riuscita a distruggere le normali relazioni non solo con la Bielorussia, la Russia, ma anche con la Cina, per la quale, ovviamente, sarà punita economicamente. La Cina semplicemente non collaborerà con la Lituania e le imprese e le società situate in questo paese. Un blocco orientale a tutti gli effetti sta apparendo tra Brest e Shanghai? I segnali che si sta formando ci sono certamente, ci sono progetti e iniziative che legano questo spazio. La cooperazione economica, politica e tecnico-militare sta guadagnando slancio. L’attuale formato SCO è finora adatto a tutte le parti e non è necessario formalizzare una sorta di unione più stretta.

Tuttavia, questo è solo per ora. Non possiamo escludere che gli Stati Uniti e i loro alleati non continuino la loro linea di pressione su Russia e Cina, e questo li costringerà ad avvicinarsi ancora di più. Ora è importante svolgere il lavoro di routine, principalmente nell’economia e nella tecnologia. Ciò è dimostrato dai piani di Russia e Cina di aumentare il commercio tra i paesi entro il 2024 a 200 miliardi di dollari.

L’influenza e l’importanza dell’Occidente diminuiranno con l’intensificarsi dei legami economici e di altro tipo in Eurasia: questo è un compito chiave per le due potenze. L’obiettivo strategico è proprio questo: beni, tecnologie, finanza dovrebbero essere prodotti e fatti circolare nel quadro che noi determiniamo. Ciò è necessario per una reale sovranità e reali prospettive di sviluppo.

Sulla politica degli Stati Uniti nei confronti di Russia e Cina

“Quando Pompeo è venuto qui, gli ho fatto alcune domande di seguito. Dico: Perché avete unito il più potente paese nucleare con un enorme potenziale militare con la più potente potenza economica in un fascio e state cercando di muovere guerra a questa associazione? Non vincerete mai. Idioti, perché fate questo?”.

(Dall’intervista di Aleksandr Lukashenko al giornalista di VGTRK Vladimir Solovyov, 4 febbraio 2022)

Articolo originale di Aleksej Dzermant. Traduzione di Guido Benni da https://www.sb.by/articles/format-bez-pafosa.html