Orban

Viktor Orban, il primo ministro ungherese, ha criticato le politiche dell’UE riguardo i rifugiati, sottolineando la necessità di chiudere le frontiere, e il ruolo sospetto delle politiche occidentali nel promuovere la crisi in Siria e in Iraq. Sopratutto, Orban punta il dito contro l’Europa rea, a suo dire, della tragica, duplice crisi (terroristica e umanitaria) sostenendo che tutto nasca dalle ingerenze europee in Siria e dal supporto dato ai terroristi finto-oppositori di Assad. Il prezzo che andremo a pagare – sostiene Orban – sarà molto salato. Inoltre, si rischia di perdere l’Europa laica, per ritrovarci con una dilaniata da lotte settarie. Il premier ungherese resta uno dei pochi leader europei a puntare il dito sulle reali cause del flusso migratorio e a opporsi sia alle prime che al secondo, contro il quale ha fatto costruire il famoso muro di confine.

Massimiliano Greco

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.