Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

A Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

Sono saliti in cielo due corpi toccati
dall’accidia dell’inganno. Due anime
avvolte da un cielo rosso fuoco.
Cupo è il vento, notturno il tuono
inchiodato nell’orecchio infuocato;
un orologio s’è fermato tra polveri,
raffiche di ostinate nubi verticali.
Un frammento di speranza,
briciola negli occhi un velo di nebbia
nel giorno delle tenebre. Marzo,
mese delle guerre, usa un pugnale
scavando nel profondo. Sommersi gli occhi.

Fabio Strinati

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome