diego fusaro, fondatore vox italia

Vox Italia, il movimento fondato nel 2019 dal filosofo Diego Fusaro e dallo scrittore Francesco Toscano, fa sul serio. Dopo l’adesione dell’ex Sottosegretario del Governo Conte I Vincenzo Zoccano (deleghe alla Famiglia e alle Disabilità), è arrivato il cambio di casacca anche per due consiglieri comunali nella provincia di Pesaro e Urbino, che come Zoccano erano stati eletti con il Movimento Cinquestelle. Si tratta di Edda Bassi (Pesaro) e Sabrina Banzato (Gabicce). Una “campagna acquisti” che certifica il calo di consensi del movimento di Beppe Grillo che si era avvertito già nelle elezioni europee del 2019.

“Accogliamo con entusiasmo tra le nostre fila Edda Bassi e Sabrina Banzato. Con la loro adesione il nostro partito si rafforza come presenza istituzionale e come qualità della proposta politica”. È quanto ha annunciato alla stampa Francesco Toscano, che oltre ad aver fondato il nuovo partito ne è anche il presidente.

Bassi e Banzato erano state elette nel Movimento 5 Stelle, ma hanno deciso di aderire a Vox Italia, dopo aver riscontrato “totale mancanza di democrazia” all’interno della compagine grillina. “Per ora Vox Italia è un piccolo partito – hanno dichiarato le due consigliere – ma, grazie alla vicinanza con Fusaro e alla presenza tra le sue fila di numerosi intellettuali, riteniamo sia in grado di portare un pensiero autenticamente critico all’interno del dibattito politico. È molto importante la volontà, espressa dalla sua classe dirigente, di avviare un serio percorso di formazione che renda gli attivisti in grado, una volta eletti, di agire in modo efficace in seno alle istituzioni. Come noi, sono tanti gli ex militanti del M5S che stanno aderendo a Vox Italia in queste settimane”.

Le due nuove dirigenti del partito saranno ora impegnate a stabilire la presenza del consesso politico sul territorio con l’apertura di una nuova sede.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome