Russia, Dmitri Peskov

Recentemente, gli USA hanno rinnovato le sanzioni alla Russia, subito imitati dalla Germania. La mossa comunque è stata criticata da molte voci in Europa, anche all’interno della stessa Germania, es. dal Ministro degli Esteri tedesco e dal cancelliere austriaco.

“Il punto è che molti agricoltori e industriali in Germania sostengono perdite dirette da queste sanzioni”, ha dichiarato Peskov, portavoce del Cremlino, secondo quanto dichiarato dalla Tass.

“È per questo che il loro malcontento è comprensibile e spiegabile.” Peskov ha poi aggiunto: “come prima, le [sanzioni] possono fare danni non solo a noi ma anche a coloro che sostengono queste sanzioni e tutti coloro che vi hanno aderito.”

In Italia, al 2015, i danni prodotti dalle contro-sanzioni russe hanno oltrepassato i 3,6 miliardi di euro. Un calo medio, rispetto al 2013, del 36% circa.

I settori più colpiti sono quelli automobilistico (-60% rispetto al 2013), i prodotti in metallo (-36%), quelli alimentari (-34%) e l’abbigliamento (-31%).

Ma nel 2016 l’export italiano in Russia è ulteriormente diminuito di circa il 14%.

E nel frattempo, sui mercati russi si diffondono le imitazioni di prodotti italiani, realizzati sul posto da russi, e anche i prodotti di altri Paesi che non hanno aderito alle sanzioni, come i pomodori cinesi.

Sarà difficile recuperare il terreno perduto, una volta che la folle guerra delle contro-sanzioni sarà cessata.

Massimiliano Greco

 

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.