Vladimir Putin non starà a guardare i movimenti che il contingente americano sta compiendo a pochi chilometri dal confine occidentale russo. Così il presidente russo in una conferenza stampa congiunta con il presidente finlandese, Sauli Ninisto. La NATO nei giorni scorsi ha rafforzato il proprio contingente militare nei paesi baltici, i quali avevano fatto sapere di sentirsi poco sicuri rispetto al vicino russo. La Russia, avrebbe dichiarato il presidente russo, avrà presto a disposizione oltre quaranta missili balistici a lunga gittata. “Se qualcuno minaccia i nostri territori”, ha aggiunto Putin, “noi rafforzeremo il nostro contingente militare lì dove arriva la minaccia”. “È la NATO che sta minacciando i nostri confini, noi non ci stiamo muovendo a caso”, tiene a precisare Putin.