Russia Olimpiadi

La decisione del Comitato Paralimpico Internazionale di sospendere la squadra paralimpica russa dalle Paralimpiadi 2016 ha provocato un’ondata di indignazione in tutto il mondo.

Nonostante la non ammissione ai Giochi Olimpici di Rio di molti atleti russi importanti, nella classifica generale dell medaglie, la Russia si è guadagnata il 4° posto. Sembrerebbe quindi che le lobby anti russe nelle organizzazioni sportive internazionali abbiano deciso di sacrificare gli atleti disabili.

Il 23 agosto, la Corte di Arbitrato per lo Sport (CAS) ha respinto la richiesta del Comitato Paralimpico russo di rivedere la decisione del Comitato Paralimpico Internazionale sulla non ammissione degli atleti russi ai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro.
Questa decisione appare oltremodo ingiusta, se si considera che l’uso di doping da parte degli atleti con disabilità è quasi privo di significato.

La reazione in Russia ed in altri Paesi a questa decisione è stata un misto di sconcerto e indignazione. La decisione del CAS è stata definita politicizzata e con motivazioni poco chiare da parte del Sport Ministro della Russia, Mutko.

Il Commissario del Ministero degli Esteri russo, Dolgov, parla indignato dei diritti umani: “Vorrei guardare negli occhi le persone che hanno preso questa decisione. Come si collegano con questo alla questione della tutela dei diritti delle persone con disabilità?”.

La decisione della non ammissione della squadra paralimpica russa ha provocato indignazione non solo in Russia. Un’opinione forse ancora più nettamente a favore della squadra paralimpica russa è stata espressa dal candidato presidenziale del partito repubblicano degli USA, Donald Trump. Mentre alcuni Paesi ed organizzazioni sono andati oltre l’espressione di protesta e di indignazione.

A favore del Comitato Paralimpico russo ha parlato anche la Bielorussia, Paese di 10 milioni di abitanti tutti legati alla popolazione russa.

Il presidente del Comitato Paralimpico bielorusso, Oleg Shepel, ha dichiarato che gli atleti bielorussi durante la cerimonia di apertura dei Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro terranno due bandiere – bielorussa e russa.

Secondo Shepel, mettere le persone con disabilità al centro della politica è una bestemmia. Tuttavia, il Comitato Paralimpico Internazionale è stato molto veloce a rispondere all’iniziativa degli atleti paralimpici bielorussi, ed ha proibito loro di portare la bandiera russa.

Sembrerebbe sempre più difficile non vedere nella decisione del CAS un pregiudizio a scopi politici, soprattutto dopo la decisione ultima del CIO di ammettere la squadra russa alle Olimpiadi che si è così guadagnata il quarto posto.

Trump ha detto che la non ammissione della squadra paralimpica russa è stata guidata da “un’enorme gelosia e paura”. La reazione russa all’asimmetria della russofobia del mondo anglosassone potrebbe provocare un aumento di antiamericanismo nella società, e di sfiducia verso l’Occidente come un partner strategico negli ambienti governativi.

Tuttavia, Vladimir Putin ha trovato una via d’uscita dalla situazione nel campo sportivo. Ha infatti espresso l’intenzione di organizzare giochi paralimpici alternativi in Russia, al termine dei quali verranno assegnati gli stessi compensi delle Paralimpiadi ufficiali.

Oggi, inoltre, al Cremlino si è svolta l’assegnazione delle onorificenze statali agli atleti russi delle Olimpiadi. I premi per le medaglie di bronzo e d’argento sono stati consegnati dal Ministro dello Sport, Mutko, e dall’aiutante presidenziale, Levitin. Le onorificenze statali per le medaglie d’oro sono state invece consegnate dal presidente Vladimir Putin.

La nazionale russa si è guadagnata il quarto posto ai Giochi Olimpici del 2016 con 56 medaglie: 19 oro, 18 d’argento e 19 di bronzo.

Il Capo del Comitato per gli Affari Esteri della Duma della Russia, Alexei Pushkov, ha detto che che la leadership della WADA non è stata in grado di disturbare la squadra russa alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Infatti, gli atleti russi ai Giochi Olimpici di Rio, nonostante i numerosi esclusi, hanno confermato il loro alto livello, vincendo circa lo stesso numero di medaglie delle precedenti due Olimpiadi.

Silvia Vittoria Missotti

UN COMMENTO

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome